Socotherm torna in utile in 2010 grazie a plusvalenza

giovedì 21 aprile 2011 18:22
 

MILANO, 21 aprile (Reuters) - Socotherm SCTM.MI ha chiuso l'esercizio 2010 con un utile di 137,3 milioni, rispetto ad una perdita di 107,5 milioni del 2009.

I ricavi consolidati - si legge in un comunicato della società attiva nel settore dei rivestimenti dei tubi per l'estrazione e il trasporto di petrolio, gas e acqua - si sono attestati a 218,9 milioni, in crescita rispetto ai 120,1 milioni del 2009. L'Ebitda, che comprende una plusvalenza da concordato di 169,6 milioni, è stato pari a 153,9 milioni, rispetto ad un dato negativo per 0,1 milioni dell'esercizio precedente. Al netto della plusvalenza, i ricavi operativi sono pari a 47,9 milioni (120 milioni nel 2009) e l'Ebitda è in rosso per 17,8 milioni.

L'indebitamento finanziario è migliorato a 40,6 milioni, contro 223,2 milioni a fine 2009.

Il Cda ha approvato le linee guida del budget 2011 e il business plan 2012-2014, di cui la nota si limita a riferire gli obiettivi di concentrazione sul core business, saturazione della capacità produttiva esistente e cessione opportunistica delle attività non core.

Riferendo dei fatti successivi alla chiusura dell'esercizio, oltre a ricordare che una prossima assemblea appositamente convocata dovrà occuparsi della questione della ricostituzione del flottante minimo per la quotazione (il titolo è sospeso) alla luce dell'obbligo di sell-out stabilito da Consob in capo a Fineglade, Socotherm dice che il 31 marzo scorso il Tribunale di Caltanissetta ha respinto un'istanza di patteggiamento. Nei prossimi mesi si terrà una nuova udienza preliminare e Socotherm anticipa che "verrà certamente rinviata a giudizio".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su [ID:nBIA21f7a]