Astaldi,nuovo piano giugno non prevede aumenti, Ipo concessioni

lunedì 18 aprile 2011 11:16
 

ROMA, 18 aprile (Reuters) - Il nuovo piano di Astaldi, che aggiornerà per il 2011-2016 l'attuale piano quinquennale fatto nel 2010, non prevede ne' aumenti di capitale ne' la quotazione della nuova società delle concessioni. Lo ha detto il presidente Paolo Astaldi a margine dell'assemblea.

"A giugno presenteremo l'aggiornamento del piano industriale 2011-2016, noi siamo anticiclici e quindi non prevediamo nessuna stima più conservativa, siamo già prudenti nei nostri dati".

Ad oggi i 9 miliardi di ordini sono ripartiti tra 6,3 miliardi di ordini dalle costruzioni e 2,8 dalle concessioni.

"Il nuovo piano non prevede ne' aumenti di capitale ne' la quotazione delle concessioni", ha detto Astaldi.

Per il 2011 la previsione è che prosegua "l'attuale tasso di crescita del 10% sia per ricavi che per gli ordini".

Al 2015 il piano da aggiornare prevede 8 miliardi di ordini dalle costruzioni e 7 dalle concessioni, mentre il gruppo ha una pipeline "ad oggi da circa 20 miliardi di lavori".

"L'obiettivo è di superare 3 miliardi di euro al 2015" ha detto Astaldi. La società ha superato per la prima volta i 2 miliardi con il bilancio 2010.

(Stefano Bernabei)