Campari, utile netto 2010 +14%, ricavi 1,16 mld, conferma cedola

lunedì 21 marzo 2011 12:14
 

MILANO, 21 marzo (Reuters) - Campari ha archiviato il 2010 con un utile netto in crescita del 14% a 156,2 milioni a fronte di un giro d'affari per 1,163 miliardi (+15,3%)

Lo annuncia il sesto gruppo mondiale del settore superalcolici che per l'esercizio scorso intende proporre una cedola invariata pari a 0,06 euro.

"Guardiamo al 2011 e al medio-lungo termine con cauto, ma ragionevole, ottimismo", ha detto in una nota l'AD Bob Kunze-Concewitz.

Contestualmente ai risultati Campari ha reso noto di aver acquisito una piattaforma di distribuzione in Russia, dove fino ad oggi vendeva tramite accordi con distributori locali. L'impegno finanziario è stato finora di 6,4 milioni.

"Data la sua esposizione con il business del vino in Russia e paesi CEE, è un passo logico", commentava un report di Berenberg Bank del 15 di marzo in riferimento a indiscrezioni stampa di giornali russi che avevano anticipato la notizia.

In particolare è stato acquisito l'80% della società di distribuzione e importazione di prodotti spirit e wine Vasco CIS con sede a Mosca. Un'opzione put/call potrà essere esercitata nel 2012 per l'acquisto del rimanente 20%, il cui valore stimato è 1,8 milioni di euro.

Poco dopo le 12 il titolo Campari avanza di un abbondante punto percentuale, vicina ai massimi di seduta.

Per il testo integrale del comunicato diffuso dalla società, i clienti Reuters possono cliccare su [ID:nBIA21fb1]