Generali, netto 2010 a 1,7 mld (+30%), cedola a 0,45 euro

mercoledì 16 marzo 2011 17:04
 

MILANO, 16 marzo (Reuters) - Generali (GASI.MI: Quotazione) ha chiuso il 2010 con un utile netto consolidato di 1,7 miliardi in crescita del 30% sul 2009.

Il risultato operativo si è attestato a 4,1 miliardi in crescita dell'11,7%, confermandosi nella parte alta del range indicato tra 3,6 e 4,2 miliardi, spiega una nota.

Il dato è stato propiziato dal risultato operativo Vita che per la prima volta ha superato quota 3 miliardi con un incremento del 23,5%.

Il Cda proporrà all'assemblea la distribuzione di un dividendo di 0,45 euro, in crescita rispetto alla cedola di 0,35 dell'anno scorso.

Il combined ratio è sostanzialmente stabile al 98,8% nonostante l'impatto delle recenti catastrofi che hanno pesato sul coefficiente per 1,9 punti percentuali.

Dal punto di vista patrimoniale, il Solvency I è pari al 132%, in miglioramento dal 128% di fine 2009, e salirebbe al 140% tenendo conto delle plusvalenze immobiliari disponibili su autorizzazione dell'authority.

Il Solvency II scende al 160% dal 187% di un anno prima a causa dell'andamento degli spread sui titoli governativi italiani.

Per il 2011 il gruppo prevede una crescita dei margini operativi e del risultato netto.