Gemina chiude 2010 con perdita 37,2 mln, si trasferisce a Roma

giovedì 10 marzo 2011 14:40
 

ROMA, 10 marzo (Reuters) - Gemina GEMI.MI, holding a cui fa capo la quasi totalità del capitale di Aeroporti di Roma (Adr), ha chiuso il 2010 con una perdita di gruppo a 37,2 milioni in calo dai 43,7 milioni del 2009.

Lo si legge in una nota della società controllata da un patto di sindacato e che ha come principale azionista al 30,2% Edizione srl della famiglia Benetton.

L'indebitamento finanziario netto è sceso a 1,33 miliardi da 1,42 di cui 1,29 in capo alla controllata Adr (che nel 2009 aveva 1,37 miliardi di debiti)

"La gestione del prossimo esercizio sarà prevalentemente orientata alla generazione delle risorse finanziarie destinate a rimborsare i finanziamenti in scadenza", spiega la nota di Gemina.

Gemina dice anche che "sarà perseguita una maggiore integrazione fra le società del Gruppo con il trasferimento della sede di Gemina a Roma", mentre continua a non esserci alcuna previsione di entrata in vigore del nuovo regime tariffario per gli aeroporti e neppure dell'anticipazione di tariffa prevista in 3 euro per passeggero ma mai applicata.

Le società del gruppo Gemina, oltre all'omonima capogruppo, sono appunto Adr e Fiumicino Energia.

(Stefano Bernabei)