Enel in deciso rialzo dopo conti 2010, piace riduzione debito

venerdì 4 febbraio 2011 09:54
 

MILANO, 4 febbraio (Reuters) - Avvio di seduta brillante per Enel (ENEI.MI: Quotazione), premiata dopo la pubblicazione dei risultati preliminari 2010.

Attorno alle 9,50, il titolo della società guidata da Fulvio Conti sale dell'1,98%, a 4,2575 euro, dopo aver segnato un massimo di 4,26 euro. Intensi gli scambi: sono passati di mano oltre 16 milioni di pezzi, contro una media dell'intera seduta di 43,262 milioni negli ultimi trenta giorni.

Due trader concordano nell'indicare nella riduzione superiore alle attese del debito l'elemento maggiormente apprezzato dal mercato.

Un dealer sottolinea che il debito era atteso a 46,1 miliardi (consensus), rispetto ai 44,9 miliardi comunicati. Anche l'Ebitda, aggiunge il dealer, è sopra le previsioni: 17,5 miliardi, contro 17,2 miliardi stimati.

In una breve nota a commento dei risultati, un broker italiano scrive che "Enel ha rispettato la guidance sul debito netto nonostante non abbia ancora concluso la cessione di asset e sebbene vi sia stato un impatto dell'andamento dei cambi, che stimiamo pari a 1 miliardo.

Un altro broker italiano evidenzia che anche i ricavi, pari a 73,4 miliardi, sono nettamente superiori al consensus (68,4 miliardi).

Un terzo broker italiano, in una breve nota, conferma rating 'outperform' e target price di 5,1 euro e dice di vedere due catalizzatori "nella securitization del deficit sulle tariffe e nella presentazione del business plan 2011-15, in calendario a Londra il prossimo 15 marzo".