February 3, 2011 / 12:36 PM / 6 years ago

PUNTO 1- Fonsai, manager al lavoro per migliorare budget 2011-AD

3 IN. DI LETTURA

(accorpa lanci, aggiunge dettagli)

MILANO, 3 febbraio (Reuters) - Il management del gruppo Fondiaria-Sai FOSA.MI è al lavoro per migliorare il budget 2011 intervenendo sulle linee guida approvate dal Cda una settimana fa e conta di presentare per la seconda metà di marzo gli esiti di questo lavoro.

Lo ha dichiarato il nuovo AD Emanuele Erbetta nel corso della presentazione agli analisti del budget 2011.

"Stiamo lavorando per intervenire all'interno delle linee guida approvate dal consiglio e migliorare il budget 2011. Ci sono cinque punti chiave che saranno la parte centrale del diagnostico che presenteremo al consiglio nel mese di marzo, dopo il 15", ha dichiarato.

Il budget 2011 di Fonsai prevede un utile netto consolidato di 55 milioni di euro, premi lordi per 12,5 miliardi di cui 5,3 miliardi nel Vita e 7,2 milioni nei Danni con un combined ratio al 101,2%.

L'indebitamento è visto a 1,386 miliardi, in lieve miglioramento da 1,5 miliardi di fine 2010. "Sono stati rimborsati 75 milioni l'altro ieri, sono previsti altri 85 milioni su operazioni real estate che non necessitano rifinanziamenti".

Tra i punti chiave citati da Erbetta vi è il recupero di solvibilità che avverrà grazie all'aumento di capitale da 460 milioni già deliberato dal Cda e attraverso la cessione di asset "non quotati assicurativi e immobiliari".

A questo proposito Erbetta ha ricordato che le cessioni sono "congelate" e che tranne le due quotate - Fonsai e Milano Assicurazioni ADMI.MI - "tutte le società del gruppo sono oggetto di riflessioni per verificare dove esiste la possibilità che non rientrino nel core business e quali abbiano appetibilità sul mercato".

Per ciò che riguarda le due compagnie messe in vendita lo scorso anno, Erbetta ha sottolineato che Liguria-Sasa "è stata ritirata dal mercato e ora è oggetto di un piano di riorganizzazione e rilancio", mentre la serba Ddor ha annunciato "brillanti risultati" nel 2010 "e nel suo mercato è risanata".

Sul fronte dei numeri a fine 2010 il gruppo aveva un'esposizione lorda verso i paesi periferici cosiddetti Pigs di 294,1 milioni pari all'1,5% di quella totale verso bond. "L'Italia è poco sotto il 90%, l'obiettivo è una riduzione attorno al 70% compatibilmente con gli andamenti del mercato", ha spiegato il responsabile Finanza e Vita, Stefano Carlino.

Infine è terminata la valutazione dell'impatto di Solvency II secondo Qis5 che vede sui dati 2009 un beneficio di circa 20 punti, "delta che viene mantenuto nel 2010".

(Gianluca Semeraro)

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below