A2A, Comune Brescia si attende 83 mln circa di cedola 2010-fonte

giovedì 13 gennaio 2011 19:44
 

MILANO, 13 gennaio (Reuters) - Il Comune di Brescia, che detiene il 27,5% del capitale di A2A (A2.MI: Quotazione), ha messo a bilancio dividendi della ex municipalizzata sul 2010 per 83 milioni di euro, una cifra che consente al comune di non sforare il patto di stabilità.

Lo ha detto a Reuters una fonte politica del comune.

"Per il 2010 dovrebbero andare ai comuni, Milano e Brescia, 83 milioni circa a testa, cifra che non so se l'anno prossimo sarà possibile replicare e che comunque consente al Comune di Brescia di non sforare il patto", sottolinea la fonte.

Sul 2009 la superutility lombarda ha distribuito un monte dividendi di 219 milioni (0,07 euro per azione), consentendo ai due comuni che detengono il 55% del capitale di ottenere 60 milioni di euro a testa. Se fosse confermata la stima per il 2010, il dividendo ritornerebbe agli stessi livelli del 2008.

Lo stesso presidente del consiglio di gestione, Giuliano Zuccoli, disse lo scorso maggio che il dividendo del gruppo sarebbe stato stabile nei prossimi anni intorno ai 10 centesimi per azione, pari a quello del 2008.

(Giancarlo Navach, redazione Milano, Reuters messaging: giancarlo.navach.reuters.com@reuters.net, +39 02 66129518, milan.newsroom@news.reuters.com))

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia