PUNTO1-Intesa, esposizione a PIGS al 2%, vede calo oneri in 2010

martedì 9 novembre 2010 15:10
 

(aggiunge altri dettagli da slide, quotazione titolo)

MILANO, 9 novembre (Reuters) - Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) prevede che nel 2010 si verifichi un calo degli oneri operativi, una "significativa" diminuzione degli oneri di integrazione, una riduzione del costo del cattivo credito.

E' quanto si legge nelle slide per la presentazione dei risultati trimestrali, in cui si sottolinea anche che la copertura totale delle sofferenze, comprese le garanzie, nel trimestre è stabile al 124%.

La banca, inoltre, dice che sono "disponibili ulteriori benefici da azioni di capital management su asset non strategici con un valore residuo di 11-12 miliardi considerando il valore di libro o un ragionevole valore di mercato, di cui 5 miliardi impattano il Core Tier 1 per avviamenti e attività immateriali e RWA (risk weighted asset) per circa 11 miliardi".

Infine, nelle slide si legge che l'esposizione a Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna è pari al 2% dell'esposizione complessiva.

Riguardo all'andamento per l'intero esercizio, si stima un "risultato netto superiore a quello del 2009, considerando anche le componenti non ricorrenti".

Il titolo, positivo in mattinata, ha ridotto il rialzo dopo i dati e si è ulteriormente indebolito dopo la pubblicazione delle slide, e poco dopo le 15 cede lo 0,2% a 2,46 euro, contro un indice FTSE Mib .FTMIB in rialzo dell'1,36%. Il range di oggi è tra 2,515 e 2,4425 euro.