CONTI TRIM3 - Generali meglio di rivali in trim3 grazie al Vita

martedì 9 novembre 2010 13:55
 

 * Trim3 atteso l'11 novembre
 * Utile netto visto a 440 milioni in sondaggio Reuters
 * Allarme Axa su redditività fine anno
 * Previsto debole utile trim3 per Allianz
 
 MILANO, 8 novembre (Reuters) - I forti risultati nel ramo
Vita a fronte della persistente debolezza nei danni e
dell'impatto dei bassi tassi di interesse dovrebbero sostenere i
conti del terzo trimestre di Generali (GASI.MI: Quotazione), attesi migliori
rispetto al settore.
 La compagnia triestina dovrebbe licenziare giovedì prossimo
un bilancio con un utile netto trimestrale di 440 milioni di
euro, in rialzo del 13% rispetto all'anno precedente, secondo la
media delle stime di 13 analisti elaborate in un sondaggio
Reuters.
 "Ci aspettiamo che i risultati nel vita continuino a
mostrare una buona tenuta nonostante il contesto di bassi tassi
di interesse", dice Bank Of America-Merrill Lynch in un report.
 "Malgrado le difficoltà di quest'anno nel terzo trimestre ci
aspettiamo nei danni i primi segnali di miglioramento",
aggiunge.
 Secondo gli analisti i conti del trimestre dovrebbe spianare
al Leone la strada per il raggiungimento del target di fine anno
di un utile operativo tra 3,6 e 4,2 miliardi di euro.
 Uno sguardo al settore in Europa mostra che la numero uno
Allianz (ALVG.DE: Quotazione) dovrebbe, secondo le attese, annunciare domani
un calo dell'utile netto del 12% nel terzo trimestre, mentre la
francese Axa (AXAF.PA: Quotazione) ha annunciato un rialzo del 3,5% dei
ricavi nei nove mesi ma ha messo in guardia il mercato sul fatto
che la flessione dei tassi di interesse potrebbe impattare
negativamente sulla redditività dell'anno.
 Sulle buone performance registrate da Generali nel ramo vita
hanno contribuito il passaggio dei clienti verso prodotti
tradizionali rispetto alle polizze unit-linked. 
 I danni hanno invece sofferto della pressione esercitata
dalle minore vendite di auto in tutta Europa per la crisi
economica.
 Generali ha in corso una revisione organizzativa che, tra le
altre cose, portrebbe portare alla scelta di un country manager
per l'Italia, anche se a questo proposito il Ceo, Giovanni
Perissinotto, ha detto qualche settimana fa che un'indicazione
sui tempi è ancora prematura.
 "C'è spazio per un ulteriore miglioramento ma il ruolo del
presidente è stato chiaramente migliorato, rendendo Geronzi non
esecutivo", dice Thomas Noack, analista di West LB.
  
 Terzo trimestre (euro, %):
 
                 media  mediana massimo minimo analisti 2009
Premi totali (mld)  16,0   16,1    16,4   15,5      9       15,7
Utile op. (mln)      938    912   1.042    848     11       927
Utile netto (mln)    440    434     588    383     13       390
Combined ratio (%)  98,3   98,3    97,5   99,1      8      97,9