Opec, continua eccesso fornitura petrolio su calo domanda

venerdì 13 agosto 2010 13:49
 

LONDRA, 13 agosto (Reuters) - La richiesta di petrolio continuerà a crescere lentamente nel 2011, visto che l'espansione dell'economia globale è vista come più lenta rispetto all'anno in corso.

E' quanto ha detto oggi l'Opec.

"Visto l'attuale outlook sul rapporto domanda/offerta, non è atteso nessun cambiamento significativo nell'esubero delle scorte per i prossimi trimestri", ha detto l'Opec.

Nel consueto report mensile, l'organizzazione ha lasciato invariate le attese per una crescita della domanda globale di 1,05 milioni di barili al giorno nel 2011 a 85,56 barili.

Attualmente l'Opec vede una domanda per il 2010 di 85,50 milioni di barili al giorno (100.000 barili in più sulle stime di luglio), 1,05 milioni in più rispetto al 2009.

Le stime sul rallentamento della crescita della domanda di petrolio nel 2011 si basano sulle previsioni che la crescita del Pil domestico sarà marginalmente più lenta al 3,7% nel prossimo anno rispetto al 3,9% del 2010.

L'agenzia internazionale per l'energia (Aie), nel suo rapporto mensile, stima una crescita a 1,3 milioni di barili per il 2011.

L'Opec ha alzato le stime per l'aumento della domanda del suo greggio nel 2010 a 28,74 milioni di barili al giorno, mentre per il 2011 l'attesa è di 28,92 milioni, circa 80.000 barili in più rispetto alla stima precedente.

L'organizzazione stima che la fornitura del greggio non-Opec potrebbe ammontare a 51,92 milioni di barili nell'anno in corso, una revisione in aumento di 60.000 barili rispetto alla stima precedente.   Continua...