4 agosto 2010 / 12:30 / 7 anni fa

PUNTO 1-A2A, netto sem1 a 371 mln su plusvalenza Alpiq, Mol -12%

* Indebitamento scende di 386 mln

* Per 2010 attese non distanti da 2009

* Titolo in rialzo dell'1,53% a 1,19 euro

MILANO, 4 agosto (Reuters) - Il gruppo A2A (A2.MI) chiude il semestre con un utile netto di 371 milioni di euro, in forte rialzo rispetto ai 129 milioni registrati nello stesso periodo 2009, grazie soprattutto alla plusvalenza derivante dalla cessione del 5,1% di Alpiq, pari a 279 milioni di euro.

Grazie a questa vendita, l'indebitamento finanziario netto del gruppo scende di 386 milioni a 4,258 miliardi di euro da 4,644 miliardi al 31 dicembre scorso.

Il mol nel periodo scende del 12,2% a 474 milioni e il risultato operativo netto del 35,9% a 234 milioni. Il dato del Mol è di poco sotto le attese degli analisti pari a 484 milioni nel periodo.

Nel secondo trimestre, la gestione industriale del gruppo è cresciuta consentendo al Mol di salire di 16 milioni rispetto allo stesso trimestre 2009, limitando così il calo dell'ebitda nel semestre a 66 milioni, sottolinea una nota della superutility lombarda.

Stabili i ricavi, che crescono dell'1,7% a 2,868 miliardi. Scendendo nei singoli comparti, la parte elettrica ha risentito in modo negativo della contrazione dei prezzi sul mercato all'ingrosso e della riduzione dei risultati dell'attività di trading rispetto al primo semestre del 2009 quando si erano potute cogliere opportunità derivanti del repentino allargamento degli spread tra prezzi del mercato italiano e prezzi del mercato estero.

Scendono anche i margini nel gas (-50 milioni rispetto al primo semestre 2009). In calo anche i margini della filiera calore e servizi, mentre crescono quelli dell'ambiente.

Quanto alle attese per l'anno, la società ricorda che nella seconda parte del 2010 i conti beneficeranno degli ulteriori interventi posti in essere per il recupero di produttività, della ripresa a pieno regime del funzionamento del termoutilizzatore di Brescia, dell'avvio delle attività nel settore dei rifiuti dell'area metropolitana di Napoli, del positivo ulteriore contributo derivante dall'operatività sul mercato dei titoli ambientali nonché del previsto consolidamento della partecipata montenegrina Epcg.

Complessivamente i risultati industriali dell'esercizio non dovrebbero discostarsi in maniera significativa dai livelli raggiunti nel 2009, conclude il comunicato.

Alle 16,00 è attesa una conference call con gli analisti alla presenza del presidente del consiglio di gestione, Giuliano Zuccoli.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below