Bulgari cede 5%, peggior titolo borsa, mercato deluso da dati

venerdì 30 luglio 2010 10:45
 

MILANO, 30 luglio (Reuters) - Bulgari BULG.MI è il peggior titolo del listino italiano, con una fessione che sfiora il 5%, all'indomani di risultati in parte deludenti per il mercato, con alcuni analisti che sottolineano la sottoperformance rispetto ai concorrenti.

Intorno alle 10,40 il titolo del lusso cede il 4,85% a 5,98 euro con volumi già pari alla media di un'intera sessione; è arrivato a perdere in seduta il 5%. Il FTSE Mib .FTMIB è in calo di circa l'1%.

Ieri, a mercati chiusi, la maison romana ha comunicato il ritorno all'utile nel secondo trimestre, con un risultato netto di 0,6 milioni rispetto al rosso di 11,2 milioni di un anno prima, su un fatturato di 244,2 milioni, da precedenti 218,3 milioni. E' stato confermata la guidance 2010 anche se la società non esclude di superarla.

"Bulgari ha diffuso un secondo trimestre ampiamente in linea con le nostre stime in termini di vendite e utile operativo, ben al di sotto delle nostre attese per quanto riguarda i profitti netti a causa dell'impatto delle valute, soprattutto per l'inaspettato marcato aumento del franco svizzero contro l'euro", scrive Centrobanca in uno studio, in cui conferma il giudizio "hold" con target price 6,4 euro.

Sebbene il management abbia confermato le stime, "non escludiamo che il mercato possa rimanere deluso dalla mancanza di buone sorprese", aggiunge Kepler in una research note, in cui viene mantenuto il rating "reduce". Kepler rileva che i risultati sono stati penalizzati dallo slittamento nel calendario delle consegne di alcuni prodotti, come gli orologi presentati a Basilea 2010. [ID:nLDE66S1SV].

Ciò che sottolineano i broker è l'attesa che il mercato aveva per risultati migliori, un'aspettativa alimentata dai recenti positivi risultati di concorrenti come Hermes HRMS.MI e Lvmh (LVMH.PA: Quotazione) [ID:nLDE66J0KL] e [ID:nLDE66Q21F].

Depurato l'effetto slittamento calendario, i ricavi nel semestre sarebbero migliorati del 14%, invece che dell'8,2%, "ma sarebbe stata comunque una crescita inferiore a quella dei concorrenti", scrive nello studio Vontobel, che ha comunque alzato il giudizio a "hold" con target price di 6,5 euro perchè "pensiamo che il peggio per Bulgari sia alle spalle".