July 29, 2010 / 2:35 PM / 7 years ago

Fiat, costo lavoro pro capite stabile tra 2005 e 2009 - R&S

2 IN. DI LETTURA

MILANO, 29 luglio (Reuters) - Nel periodo tra il 2005 e il 2009 la Fiat FIA.MI ha visto aumentare il valore aggiunto dei propri dipendenti dell'1,9% a 55.000 euro, mentre ha mantenuto inalterato il costo del lavoro per dipendente a 36.000 euro.

E' quanto emerge dall'annuario R&S di Mediobanca, che analizza i dati dei cinquanta maggiori gruppi industriali e finanziari operanti in Italia e quotati in borsa.

Per quanto riguarda il rapporto tra valore aggiunto e costo del lavoro, Fiat, in questi giorni sotto i riflettori per le sue strategie negli stabilimenti italiani, si posiziona in settima posizione, con uno dei valori più elevati.

Quanto più alto è il valore del rapporto tanto più un'azienda fa fatica a spesare la forza lavoro e a trattenere ricchezza, spiegano dal centro studi Mediobanca.

A incidere su questo indicatore sono diversi fattori, tra cui il livello di specializzazione richiesto alla forza lavoro: non a caso uno dei valori più alti è quello di Bulgari BULG.MI, che ha addetti particolarmente qualificati come è tipico nel settore del lusso.

Fiat si posiziona al 26esimo posto per la riduzione dei dipendenti tra il 2008 e il 2009, con un taglio del 4,2%. All'estero la riduzione è stata maggiore rispetto all'Italia, segnando un -5,5% contro un -2,4% nazionale. I dipendenti esteri di Fiat sono il 57,5% del totale del gruppo, una percentuale in fin dei conti "non troppo elevata" per una multinazionale, notano da R&S.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below