Edison, conti 2010 soffriranno senza effetto una tantum gas,Cip6

venerdì 23 luglio 2010 16:41
 

MILANO, 23 luglio (Reuters) - I risultati di Edison EDN.MI soffriranno nel 2010 se la società non riuscirà a chiudere la rinegoziazione dei contratti gas a lungo termine e a definire con il ministero allo Sviluppo Economico le modalità di risoluzione anticipata delle convenzioni Cip 6.

Lo ha detto l'AD del gruppo, Umberto Quadrino nella conference call con gli analisti sui risultati del primo semestre.

"Siamo in trattative con Gazprom, Eni e Sonatrach per rinegoziare i contratti sul gas e stiamo per avviarli con il Qatar", ha sottolineato il manager.

"Se entrambe le cose andranno in porto quest'anno possiamo annunciare risultati in linea con il 2009, altrimenti soffriranno. Una maggiore chiarezz l'avremo con la terza trimestrale", ha sottolineato Quadrino.

Il manager ha evidenziato che nel 2009 l'ebitda è stato pari a 1,471 miliardi di euro. Gli effetti una tantum del buon esito dei negoziati sulla rinegoziazione dei contratti gas è stato quantificato da Quadrino in un range fra 0 e 80 milioni circa, mentre l'effetto dal Cip 6 in 150 milioni di euro.

"Pertanto in caso di un mancato effetto di questi due aspetti l'ebitda 2010 sarebbe intorno a 1,3 miliardi, ma sono fiducioso di raggiungere gli stessi risultati del 2009", ha aggiunto.