PUNTO 2 - Prysmian, giù utile trim1, accelerazione da trim2

giovedì 13 maggio 2010 19:59
 

(aggiunge dichiarazioni da conference call)

MILANO, 13 maggio (Reuters) - Prysmian (PRY.MI: Quotazione) ha chiuso il primo trimestre con un utile netto adjusted di 31 milioni, in calo del 31,1% rispetto ad un anno prima.

L'Ebitda adjusted, si legge in un comunicato del gruppo attivo nei cavi, è calato del 17%, a 75 milioni. L'incidenza sui ricavi è scesa al 7,7% dal 9,8% del primo trimestre 2009.

I ricavi sono diminuiti (variazione organica) dell'11,2%, a 969 milioni.

Il risultato operativo rettificato si è attestato a 57 milioni, con una contrazione del 23,8%.

L'indebitamento finanziario è migliorato a 596 milioni da 641 milioni di un anno prima.

Prysmian ha fornito una guidance sull'Ebitda adjusted a fine 2010, parlando di 350-400 milioni di euro. "Tale intervallo", si legge, "è funzione dell'evoluzione dei mercati di riferimento nella seconda parte dell'anno". Nel 2009, l'Ebitda adjusted era stato pari a 403 milioni.

Nelle slide pubblicate in occasione della conference call di presentazione dei risultati si legge che il conseguimento del punto centrale della guidance è basato sull'attuale livello degli ordini del settore Transmission, sull'andamento corrente di business ciclici, con un recupero contenuto dei volumi nelle divisioni T&I e Power Distribution rispetto ai livelli del primo trimestre e su un contributo crescente dai segmenti ad alto valore aggiunto, in particolare dall'Oil & Gas.   Continua...