UniCredit, netto trim1 520 mln, mandato per valorizzare Pioneer

mercoledì 12 maggio 2010 07:45
 

MILANO, 12 maggio (Reuters) - UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) ha chiuso il primo trimestre del 2010 con un utile netto di 520 milioni di euro in crescita del 16,5%.

Il dato è nettamente superiore alle attese che convergevano su un utile netto di 342 milioni, secondo il consensus riportato sul sito web della banca.

Il margine di intermediazione si è attestato poco sopra i 6,8 miliardi in crescita del 3,7%, mentre il risultato lordo di gestione è salito del 6,9% a oltre 2,9 miliardi.

Nel periodo sono stati effettuati accantonamenti su crediti per 1,8 miliardi, con un costo del rischio che si attesta a 127 punti base.

Il Core Tier I è sostanzialmente stabile all'8,45% dall'8,47% di fine 2009.

Il gruppo ha un'esposizione su titoli governativi dei paesi Pigs (Grecia, Irlanda, Spagna e Portogallo) pari a fine marzo a 1,6 miliardi circa.

La banca ha poi dato mandato a BofA-Merrill e alla sua divisione CIB per esplorare tutte le opzioni strategiche per Pioneer al fine di valorizzare la società.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale della società cliccando [ID:nBIA1204f]