PUNTO 1-Impregilo, netto trim1 sale su straordinarie, giù ricavi

lunedì 10 maggio 2010 15:11
 

(riscrive aggiungendo dettagli da nota)

MILANO, 10 maggio (Reuters) - Impregilo IPGI.MI chiude il primo trimestre con un utile netto spinto da poste straordinarie e con ricavi in calo per la prevista contrazione del volume di affari del settore Impianti.

L'utile netto di pertinenza del gruppo nel periodo si è attestato a 40 milioni di euro da 30,1 milioni del primo trimestre 2009 ma il valore, spiega una nota, tiene conto dell'effetto della variazione dell'area di consolidamento. In assenza degli effetti complessivi di natura non ricorrente, il risultato netto del primo trimestre 2010 sarebbe stato pari a circa 11 milioni.

Le partite non ricorrenti sono relative a un accordo strategico stipulato dal gruppo Ecorodovias - partecipata brasiliana di Impregilo - nell'ambito dello sviluppo delle proprie attività nella logistica. L'operazione ha visto l'ingresso con una quota del 20% di un nuovo partner nel capitale della Elog - la sub-holding del gruppo nella logistica - e il passaggio da una situazione di controllo totale a una di controllo congiunto. A seguito dell'operazione, conformemente ai principi contabili internazionali, è stato rilevato un plusvalore per la quota di pertinenza del gruppo Impregilo e al lordo dei relativi effetti fiscali (stimabili in circa 13,9 milioni) pari a 42,9 milioni di euro.

L'utile operativo nel trimestre è pari a 46 milioni da 50,7 milioni e beneficia del contributo positivo dei settori Costruzioni e Concessioni, mentre il settore Impianti ha evidenziato un sostanziale pareggio.

I ricavi totali nel primo trimestre ammontano complessivamente a 473 milioni da 725,4 milioni. Per quanto riguarda il settore Impianti, il sostanziale completamento dei principali progetti in portafoglio del settore Dissalazione si è sovrapposto al perdurare della fase economica negativa che coinvolge i paesi dell'area del Medio Oriente, principale mercato di attività di Fisia Italimpianti, che non hanno ancora riavviato in modo concreto i programmi di sviluppo infrastrutturale.

L'indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2010 è pari a 278,2 milioni, sostanzialmente in linea con i 274,5 milioni di dicembre 2009.

Le acquisizioni di lavori registrate nel primo trimestre sono state pari a 415 milioni. Il portafoglio complessivo del gruppo ammonta alla fine del periodo a 20,9 miliardi di euro, di cui 9,2 miliardi di euro nei settori Costruzioni e Impianti e 11,7 miliardi di euro relativi al portafoglio a vita intera del settore Concessioni.   Continua...