Icbpi, chiusa acquisizione Centrosim, attesa fusione - De Censi

venerdì 7 maggio 2010 18:13
 

MILANO, 7 maggio (Reuters) - Con un'operazione da 13 milioni di euro terminata alla fine dello scorso aprile, l'Istituto centrale delle banche popolari italiane (Icbpi) ha concluso l'acquisizione di Centrosim arrivando a detenere oltre il 90% del capitale, dalla precedente partecipazione del 9,35% circa.

"Adesso dobbiamo procedere alla fusione di Centrosim nella capogruppo", ha spiegato il presidente dell'istituto, Giovanni De Censi, a margine dell'assemblea sul bilancio 2009.

"Stiamo sviluppando un progetto di securities service insieme all'Iccrea seguendo il nostro indirizzo che è quello di fare una banca di sistema", ha aggiunto.

Nel 2009 Icbpi ha realizzato un utile netto di 58,15 milioni di euro circa, in calo del 12,9% rispetto al 2009 a fronte di un risultato operativo cresciuto del 71% a 101,6 milioni e di ricavi in progresso del 62% a 492 milioni. "Solamente meno del 40% dei ricavi provengono dai soci e questo vuol dire che l'istituto centrale offre a tutto il resto del mercato servizi che sono appetibili", ha sottolineato De Censi.

Il Cda di Icbpi, riunitosi oggi a termine dell'assemblea, ha cooptato Fabrizio Viola, Ad di Pop Emilia Romagna (EMII.MI: Quotazione), nominandolo vicepresidente.