PUNTO 1 - Intesa,contano risultati non confronti tra soci-Bazoli

venerdì 30 aprile 2010 16:04
 

(aggiunge dichiarazioni Bazoli)

TORINO, 30 aprile (Reuters) - Le difficoltà nel raggiungere delle intese, in particolare sulle questioni di governance, sono inevitabili ma ciò che conta sono i risultati della banca che danno fiducia anche per il futuro.

Così il presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) Giovanni Bazoli ha risposto ad alcuni azionisti che in assemblea chiedevano conto delle numerose voci di stampa sul rinnovo degli organi della banca e in particolare del consiglio di gestione.

"Un conto sono le difficoltà nel raggiungere le intese, che sono inevitabili, un conto diverso sono i risultati raggiunti e questo è quello che conta", ha spiegato Bazoli.

"I nostri maggiori azionisti hanno sempre dimostrato grande senso di responsabilità e hanno rappresentato - tutti gli azionisti ma i maggiori in particolare - una forza per la banca perché sono investitori di medio termine", ha proseguito il banchiere.

"Le fondazioni hanno rappresentato al meglio il necessario diaframma tra la sfera politica e pubblica e le aziende bancarie intese come imprese", ha spiegato riferendosi alla riforma Amato che si poneva come obiettivo la separazione tra politica e banche.

"Quando si parla di fiducia, la risposta migliore è quella che guarda ai fatti. Nei tre anni trascorsi la banca ha funzionato bene e ha resistito meglio di tutte o quasi tutte le altre grandi banche e questo è il viatico migliore anche per il nuovo periodo e per credere nella governance che uscirà da questa assemblea", ha concluso.