Gabetti, ok revisori a bilancio 2009 ma elementi di incertezza

mercoledì 14 aprile 2010 11:43
 

MILANO, 14 aprile (Reuters) - La società di revisione Deloitte & Touche ritiene che il bilancio al 31 dicembre 2009 di Gabetti (GABI.MI: Quotazione) sia conforme agli standard Ifr adottati dall'Unione europea, che sia redatto con chiarezza e rappresenti in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria, il risultato economico e i flussi di cassa della società.

Nella sua relazione il revisore richiama comunque l'attenzione su alcune situazioni di incertezza descritte dagli amministratori della società, "che possono far sorgere dubbi significativi sulla capacità del gruppo di continuare la propria operatività per un prevedibile futuro".

L'approvazione della rimodulazione del debito da parte delle banche finanziatrici è ritenuta dagli amministratori "fondamentale ai fini di garantire la continuità aziendale", si legge nella relazione. Il revisore sottolinea che gli amministratori riferiscono che, in assenza di tale approvazione, si renderebbe necessaria la dismissione anticipata di parte del patrimonio immobiliare al fine di consentire il regolare pagamento delle rate di rimborso del debito chirografario secondo quanto previsto dall'accordo del 2009.

Gli amministratori ritengono che sia comunque appropriato utilizzare il presupposto della continuità aziendale per redigere il bilancio del gruppo, sulla base delle azioni delineate nel piano strategico 2009-2013 e aggiornate con il piano rivisto "e ritenendo che possa concludersi positivamente e in tempi ragionevoli la trattativa" con le banche, "anche considerando in alternativa la possibile dismissione anticipata di parte del patrimonio immobiliare".

Inoltre, gli amministratori evidenziano anche fattori di incertezza relativi alle stime sottostanti alla recuperabilità del valore contabile degli avviamenti, inclusi quelli impliciti nel valore delle partecipazioni, alla luce della crisi che ha interessato il mercato immobiliare.

Per leggere il testo integrale del comunicato diffuso dalla società i clienti Reuters possono cliccare su [ID:nBIA1412f] [ID:nBIA14136] [ID:nBIA14138]