12 aprile 2010 / 16:14 / 7 anni fa

Tecnologici Usa, attesa utili sostanziosi in parte già in prezzi

* Tech saranno avvantaggiati dalla ripresa

* Attese positive potrebbero già essere nei prezzi

* Spesa per PC dovrebbe salire 12% in 2010

SEATTLE, 12 aprile (Reuters) - Dalle grandi società tecnologiche Usa gli investitori attendono risultati del primo trimestre piuttosto buoni, ma la forza del dollaro e il fatto che le attese siano alte potrebbero tradursi in risultati modesti nell'andamento borsistico.

Gli investimenti in beni tecnologici stanno lentamente tornando e le società del settore, come gli analisti, si aspettano nel secondo semestre una fase di ciclo positivo per gli acquisti di hardware come per quelli di software.

Ci si chiede però se risultati migliori delle attese e previsioni positive basteranno a far salire titoli che già sovraperformano il mercato e a far emergere nuovi livelli di fiducia.

Kim Caughey, senior analyst per Fort Pitt Capital Group, ritiene ad esempio che l'effetto della ripresa sui tech sia "sottostimato" e aggiunge che i "PC sorprenderanno al rialzo quest'anno".

I responsabili degli acquisti di IT aziendali si attendono oggi una media di rialzo oltre il 2% degli investimenti 2010 rispetto al 2009, stima un recente studio di Barclays Capital: sei mesi fa il rialzo atteso era 1,6%, un anno fa si prevedeva calo.

Anche il lato dei consumi privati migliora, in un contesto di lieve miglioramento sul fronte occupazione: il reparto computer "è la zona più vivace dei negozi da mesi", secondo un survey sul settore distribuzione di un analista di Wall Street.

La spesa per i PC a livello mondiale dovrebbe salire del 12% a 245 miliardi nel 2010, secondo gli esperti di Gartner, che solo in dicembre vedevano più 2%.

Intel (INTC.O) sarà la prima delle grandissime tech a dare i dati trimestrali il giorno 13: "Non c'è da discutere sul fatto che batta le attese e alzi la guidance" secondo un analista di Wedbush Morgan. Se la domanda per Intel è forte - tre quarti dei PC nel mondo montano chip della società - significa che "il settore sta cominciando a risalire" per Caughey.

Più PC sono un'ottima notizia anche per Microsoft Corp (MSFT.O), che dà la trimestrale (terzo quarter fiscale) il 22.

Il trim3 è a volte debole per la leader del software ma Wall Street vede utili e vendite in rialzo grazie alla popolarità di Windows 7.

Apple Inc (AAPL.O) annuncia il 20 ma la scorsa settimana non riusciva a tenere testa alla domanda di iPads, un segnale decisamente di ottimismo per il resto dell'anno.

Google Inc (GOOG.O) annuncia i dati giovedì e da lei si attende un fatturato in rialzo grazie alla crescita delle ricerche online che alimenta la pubblicità. I problemi in Cina, quelli antitrust e le incertezze sul business mobile potrebbero però gettare ombre sull'outlook.

Per tutti i big tuttavia c'è il rischio dollaro: Accenture Plc (ACN.N) - una buona proxy per gli investimenti tech - ha recentemente abbassato l'outlook annuale per questo.

E comunque non sempre i dati spingono le quotazioni: Oracle Corp ORCL.O ha recentemente annunciato la miglior previsione di vendite da un anno a questa parte ma il titolo che era ai massimi di nove anni è sceso. Senza contare che il mercato è reduce da un rally: il Nasdaq ha guadagnato il 17% da febbraio, contro un +14% dello Standard & Poor's 500.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below