Trevi, utile netto +10% in 2009, dividendo 0,12 euro

mercoledì 31 marzo 2010 16:58
 

MILANO, 31 marzo (Reuters) - Trevi-Finanziaria Industriale (TFI.MI: Quotazione) ha chiuso il 2009 con una crescita del 10% dell'utile netto, a 82,2 milioni.

L'Ebitda, si legge in un comunicato della società attiva nel settore dell'ingegneria del sottosuolo e nella produzione delle macchine per fondazioni e perforazioni, è salito del 9,3%, a 181,8 milioni.

I ricavi sono calati del 3,1%, a 1,036 miliardi di euro, mentre l'Ebit è sceso dell'8%, a 117,4 milioni.

Il consiglio di amministrazione proporrà all'assemblea la distribuzione di un dividendo di 0,12 euro per azione, pari a quello dello scorso anno.

L'indebitamento finanziario netto è balzato del 37,8%, a 443,8 milioni.

Il portafoglio ordini ha registrato una flessione del 29,6%, a 780,3 milioni.

"Il 2009 si è dimostrato ancora un anno molto positivo sotto il profilo della marginalità operativa e della profittabilità netta", ha commentato il presidente Davide Trevisani. "Pur potendo contare sulla base solida rappresentata dal portafoglio ordini acquisito, il gruppo è attualmente coinvolto in un numero di negoziazioni rilevanti sotto il profilo tecnologico e/o dimensionale, che sono suscettibili di influenzare i risultati dell'anno in corso".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su [ID:nBIA312a0].