29 marzo 2010 / 11:41 / 7 anni fa

PUNTO 1-Tiscali conferma target,pfn potenziale 125 mln fine 2010

(aggiunge dettagli da conference, background, titolo)

MILANO, 29 marzo (Reuters) - Tiscali (TIS.MI) conferma i target sul 2010 forniti al mercato, in particolare l‘obiettivo per le attività italiane di chiudere l‘anno in utile.

E’ quanto ha detto il direttore generale, Luca Scano.

Rispondendo a una domanda nel corso della conference call di presentazione dei risultati 2009, Scano ha detto: “Confermiamo i target sul 2010 forniti al mercato”.

In precedenza, Renato Soru, presidente e amministratore delegato di Tiscali Spa, aveva confermato l‘obiettivo, illustrato nell‘ottobre scorso, di raggiungere l‘utile per le attività italiane nel 2010.

Soru ha aggiunto che i negoziati per la vendita dell‘immobile in cui ha sede il quartier generale del gruppo, a Cagliari, “sono aperti, stanno andando avanti e pensiamo che sarà possibile quest‘anno cedere l‘asset per ridurre ulteriormente la posizione finanziaria netta”. Nell‘ottobre scorso, Soru aveva parlato di un impatto positivo di circa 50 milioni sull‘indebitamento da questa operazione di cessione e riaffitto della sede.

INDEBITAMENTO POTENZIALE 125 MILIONI A FINE 2010

A proposito dell‘andamento del debito, Scano ha affermato che a fine gennaio “la posizione finanziaria netta era negativa per 215 milioni”, rispetto a 211,1 milioni al 31 dicembre 2009, e ha parlato di un indebitamento potenziale a fine 2010 di 125 milioni.

Il direttore generale del gruppo sardo ha ricordato che i target sul debito non tengono conto dei 40 milioni che si potrebbero liberare da un conto ‘escrow’, costituito nell‘ambito del contratto di cessione di Tiscali Uk in caso di eventuale aggiustamento del prezzo sulla base della variazione di alcuni parametri.

“Considerando che a dicembre avevamo una posizione finanziaria netta di 211 milioni (218 milioni secondo il conteggio Consob), che stiamo attendendo l‘esito sull‘escrow (per cui pensiamo di recuperare almeno 30 milioni) e che stiamo lavorando per la cessione dell‘immobile, da cui pensiamo si possano ricavare tra i 50 e i 60 milioni”, ha precisato Scano, “si può dire che, se entrambi questi fattori si verificassero, l‘indebitamento si attesterebbe in un intorno di 125 milioni di euro (quindi un valore più vicino ai 100 che non ai 200 milioni)”.

Nell‘ottobre scorso, in occasione della presentazione del business plan al 2013, Scano aveva definito “estremamente conservativo” l‘obiettivo di ridurre la posizione finanziaria netta a 180 milioni nel 2013.

Riguardo alle prospettive del gruppo, Soru ha sottolineato come Tiscali abbia “un modello di business sostenibile e solido, focalizzato nell‘accesso (fisso e convergenza fisso/mobile) e che sfrutta, nello stesso tempo, le potenzialità della parte media”. In particolare, soffermandosi sulle potenzialità delle appllicazioni per telefonia mobile, Soru ha detto che Tiscali “sarà tra i primi a lavorare sull‘iPad (della Apple (AAPL.O)) appena arriverà in Italia”.

Soru ha difeso, di fronte ai dubbi di qualche analista, la definizione di “turnaround operativo” di Tiscali attuato nel 2009. “Abbiamo ristrutturato il business, negli ultimi due trimestri abbiamo aumentato i clienti”, ha spiegato il fondatore dell‘Isp sardo. “Stiamo lavorando sul miglioramento del canale di vendita, sulla distribuzione, stiamo rifocalizzando il canale web: dal portale aggiungiamo 200 clienti al giorno”. Tutto ciò, ha precisato Soru, “senza ridurre i prezzi”, ma “posizionandoci in un segmento dove non eravamo presenti in precedenza”.

Attorno alle 13,25 italiane, il titolo Tiscali sale del 2,12%, a 0,1688 euro, dopo aver segnato un massimo di 0,1704 euro. Intensi gli scambi: sono passati di mano oltre 33 milioni di pezzi, contro una media dell‘intera seduta di 19,472 milioni negli ultimi trenta giorni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below