18 marzo 2010 / 13:16 / 8 anni fa

SINTESI - Generali ottimista su 2010, raccolta parte forte

(Cambia titolo, riunisce pezzi, aggiunge dettagli background, andamento titolo)

MILANO, 18 marzo (Reuters) - Generali (GASI.MI) è ottimista sul 2010 alla luce dei risultati raggiunti nell‘ultima parte dell‘esercizio 2009 e nei primi mesi del nuovo anno.

Segnali incoraggianti arrivano in particolare dall‘andamento della raccolta nel ramo vita che in Italia, nei mesi di gennaio e febbraio, ha mostrato un incremento dei premi di oltre il 40%, ma anche nel segmento danni che ha invertito il trend negativo dello scorso anno.

E’ quanto è emerso nel corso della conference call con gli analisti sui risultati 2009 che la compagnia triestina ha comunicato ieri a mercato chiuso.

Dopo un 2009 difficile “il gruppo ha mostrato un buona capacità di recupero, con un livello molto soddifacente di rimbalzo della nostra attivita, in particolare modo nel quarto trimestre e nei primi due mesi dell‘anno in corso. Questo ci porta ad avere un certo ottimismo per il resto dell‘anno”, ha detto l‘AD Giovanni Perissinotto.

“Il mercato rimane fragile ma la qualità vista negli ultimi mesi ci mette in una posizione tale da potere affrontare i mercati, qualunque cosa essi ci riserveranno, per il resto dell‘anno”, ha aggiunto.

Nell‘esercizio 2009 Generali ha registrato una raccolta di oltre 70 miliardi di premi grazie a un recupero nella seconda parte dell‘anno e soprattutto a una crescita dei premi del 20% e del risultato operativo dell‘82,8% nel quarto trimestre.

I premi vita sono stati pari a 48,9 miliardi (+9,5%), mentre il ramo danni ha visto un andamento stabile a 21,6 mld.

La raccolta netta vita (la differenza tra i premi incassati e i pagamenti per scadenze e riscatti) è balzata a 16,1 miliardi dai 7 miliardi dell‘anno precedente.

“Nei primi due mesi ci sono stati dati straordinari, abbiamo un aumento della produzione e premi in Italia fortemente double digit”, ha detto Perissinotto rispondendo alla domanda di un analista e specificando che la crescita è stata “sopra il 40%”.

Perissinotto ha sottolineato i miglioramenti anche nel ramo danni rispetto alla debolezza dell‘anno scorso.

“Abbiamo una raccolta nel rami danni fra 1-2% nei primi due mesi, con l‘auto che fa un +3%”, dice l‘AD prevedendo possibili interventi sul fronte delle tariffe.

Nell‘anno in corso il risultato operativo complessivo è atteso tra 3,6 e 4,2 miliardi di euro da 3,7 miliardi registrati nel 2009, secondo quanto emerso nel corso della presentazione.

Nel dettaglio, il segmento Vita è atteso tra 2,2 e 2,6 miliardi rispetto ai 2,5 miliardi del 2009, mentre nei danni il risultato dovrebbe attestarsi in un range tra 1,4 e 1,8 miliardi da 1,3 miliardi.

IMPATTO NETTO TEMPESTA XYNTHIA 60-80 MLN, NON ESPOSTI IN CILE

La valutazione dell‘impatto della tempesta Xynthia che ha colpito l‘Europa a fine febbraio è ancora in corso, ma l‘AD Sergio Balbinot stima un valore lordo di 95-110 milioni e al netto delle riassicurazioni, nel range di 60-80 milioni.

“Stiamo valutando ma l‘impatto non è comuque enorme”, ha detto il manager.

Minime le conseguenze sui conti dal terremoto in Cile dove la compagnia non è presente.“Non abbiamo un‘esposizione diretta, forse vi è solo qualche programma internazionale che abbiamo sottoscritto, poco rilevante. L‘impatto è minimo”, ha spiegato Balbinot.

RESTA INTERESSE SU RUSSIA, OPZIONI APERTE SU INGOSSTRAKH

Relativamente alle strategie internazionali, e in particolare all‘Est Europa, Generali punta ancora alla Russia dove valuterà sia una soluzione al dossier Ingosstrakh, ma anche opzioni alternative di acquisizioni sul mercato.

Le trattative per l‘acquisizione di Ingosstrakh, la compagnia russa di cui Generali, tramite PPF Beta, è azionista di minoranza “non si sono mai interrotte”, ha spiegato Perissinotto.

“Ci stiamo comunque guardando attorno. Vogliamo sbloccare questa situazione che per noi non è soddifacente e stiamo contemplando tutte le ipotesi: da un aumento della nostra quota a una sua cessione, guardando ad altre possibilità che sono presenti sul mercato”, ha detto Perissinotto.

A Piazza Affari, dopo una partenza debole, il titolo Generali ha recuperato nel corso della mattinata ma si mantiene in leggero territorio positivo. Intorno alle 14,00 segna un rialzo dello 0,28% a 17,98 euro a fronte di un indice FTSE Mib .FTMIB in frazionale guadagno dello 0,06%.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below