March 17, 2010 / 7:04 AM / 7 years ago

UniCredit, netto 2009 a 1,7 mld sopra stime, torna cedola cash

2 IN. DI LETTURA

MILANO, 17 marzo (Reuters) - UniCredit (CRDI.MI) chiude il 2009 con un utile netto di pertinenza di 1,702 miliardi di euro, in netto calo dai 4,012 miliardi del 2008, ma sopra il consensus individuato da 28 analisti e riportato sul sito web della banca di 1,326 miliardi e quello costruito da Thomson Reuters I/B/E/S di 1,57 miliardi.

Il dato del 2008 era maturato "in un contesto macroeconomico marcatamente più sfavorevole", spiega una nota.

Il margine di intermediazione cresce nel 2009 del 2,6% a 27,572 miliardi con interessi netti in calo del 5,8% a 17,3 miliardi (-1,9% con cambi e perimetro costanti).

I costi operativi scendono dell'8,2% a 15,3 miliardi per un cost/income che si porta al 55,6% dal 62,1% del 2008.

Nell'anno sono state effettuate rettifiche su crediti e accantonamenti per garanzie e impegni per 8,3 miliardi con un costo del rischio a 142 punti base.

Sul fronte patrimoniale il Core Tier I, calcolato pro forma con il recente aumento di capitale, si attesta all'8,47%, il Tier I al 9,49%.

Nel solo quarto trimestre si è registrato un utile netto di 371 milioni contro il rosso di 4 milioni atteso dal consensus.

Il Cda proporrà una cedola cash di 0,03 euro per azione.

Gli abbonati Reuters possono leggere il comunicato integrale della società cliccando [ID:nBIA17f1f]

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below