Prysmian, Ebitda adjusted 2009 in linea guidance, bond 400 mln

mercoledì 3 marzo 2010 18:13
 

MILANO, 3 marzo (Reuters) - Prysmian (PRY.MI: Quotazione) ha chiuso l'esercizio 2009 con un Ebitda adjusted di 403 milioni, in linea con la guidance fornita dalla società.

Gli analisti, secondo le stime di consensus, prevedevano un Ebitda adjusted di 398 milioni.

I ricavi sono calati, su base organica, del 17,4%, a 3,731 miliardi di euro, contro previsioni degli analisti di 3,780 miliardi.

L'utile netto adjusted è sceso del 37,9%, a 206 milioni.

L'indebitamento finanziario netto si è attestato a 474 milioni, contro attese degli analisti di 520 milioni.

Il gruppo attivo nella produzione di cavi ha confermato il dividendo a 0,417 euro per azione, per un controvalore di 74 milioni.

Il Cda ha dato mandato al management per procedere, entro il 31 dicembre 2010, all'emissione di un prestito obbligazionario, riservato agli investitori qualificati, per massimi 400 milioni, della durata massima di sette anni.

Prysmian prevede, per l'esercizio 2010, "una stabilizzazione della domanda sui livelli minimi raggiunti nel 2009, nei business Trade & Installers, Power Distribution e in alcuni prodotti del segmento Industrial più esposti agli andamenti ciclici del mercato, con un possibile graduale recupero a partire dall'ultima parte dell'anno. Si conferma, invece la ripresa degli ordini per i progetti di trasmissione di energia e per cavi in fibra ottica destinati ai principali operatori del settore Telecom".

Il gruppo, inoltre, conferma "la determinazione a proseguire nelle attività di razionalizzazione ed efficientamento dell'assetto industriale al fine di ottimizzare la struttura dei costi, e negli investimenti già avviati a sostegno dei business a maggior valore aggiunto al fine di rafforzare ulteriormente la propria presenza nei segmenti più profittevoli e con elevate prospettive di crescita".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su [ID:nBIA03cb9].