Telecom, slitta a 25/3 bilancio, sequestrati 300 mln a Sparkle

giovedì 25 febbraio 2010 07:33
 

MILANO, 25 febbraio (Reuters) - Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione) rinvia di un mese, al 25 marzo, l'approvazione del bilancio consolidato 2009 per "l'impossibilità di ricomprendere correttamente ad oggi i risultati della controllata Sparkle", oggetto di un'inchiesta insieme a Fastweb FWB.MI per riciclaggio e frode per 2 miliardi di euro.

In una nota emessa ieri in tarda serata, il gruppo di tlc annuncia che il cda proporrà oggi anche il rinvio dell'assemblea di bilancio, già programmata per il 12 aprile, e la cancellazione dell'incontro con la comunità finanziaria sui risultati e sul piano triennale previsto per domani. In sostituzione viene fissata una conference call oggi al termine del cda.

Telecom annuncia, inoltre, che l'autorità giudiziaria ha sequestrato un importo pari a circa 300 milioni di euro tra crediti e disponibilità liquide di Sparkle, "corrispondente secondo il provvedimento al credito Iva illecitamente maturato per gli anni d'imposta oggetto dell'illecita attività contestata".

Telecom sottolinea che i fatti contestati risalgono agli anni 2005-2007 e che "nelle note al bilancio consolidato per l'esercizio 2007, Telecom Italia ebbe già a rappresentare che Sparkle era stata interessata da richieste di informazioni da parte dell'autorità giudiziaria [...] per una presunta frode Iva perpetrata da un fornitore operante nel mercato dei servizi di telecomunicazioni di tipo 'Premium'".

I clienti Reuters possono leggere il comunicato in forma integrale cliccando su [ID:nBIA24d86].