Telecom It, previsto calo utili, slitta target debito - analisti

martedì 23 febbraio 2010 19:53
 

 MILANO, 23 febbraio (Reuters) - Telecom Italia (TLIT.MI: Quotazione)
dovrebbe registrare risultati in calo nel quarto trimestre e
sull'intero esercizio 2009, e aggiornare il piano industriale,
confermando i target di redditività e spostando in avanti di un
anno quello sul debito, dicono gli analisti.
 Il nuovo budget non terrà conto dell'ipotesi di fusione con
Telefonica (TEF.MC: Quotazione), per la quale, secondo alcune fonti, sono in
corso colloqui, ma solo a livello preliminare.
 La cedola è attesa a 5 centesimi per le ordinarie e a 6,1
centesimi per le risparmio, quindi in linea con quanto sarà
distribuito quest'anno, dice un analista.
 Secondo le previsioni di 11 analisti, l'utile netto della
società (dopo le minorities) è sceso a 367 milioni di euro nel
quarto trimestre dello scorso anno, dai 444 milioni del quarto
trimestre 2008. L'utile netto dell'intero esercizio dovrebbe
essere sceso a 1,537 miliardi di euro, dai 2,187 miliardi del
2008. Gli analisti stimano anche un calo del fatturato di
Telecom Italia, sia a livello trimestrale sia dell'intero anno
fiscale.
 
 ATTESO SLITTAMENTO OBBIETTIVO DEBITO
 Per quanto riguarda i target, gli analisti prevedono che non
vengano date indicazioni per il fatturato oppure che le stime si
attestino in un ampio range. Il piano 2009-11 prevedeva un Cagr
(crescita media annua) superiore al 2%.
 Sull'Ebitda il piano in vigore indica un rapporto sul
fatturato stabile nel 2009 a circa il 38% e superiore al 39% nel
2011, che sarebbe confermato.
 Le attese sono state elaborate anche in virtù delle
dichiarazioni della società a novembre, quando il direttore
finanziario Marco Patuano ha parlato di Ebitda stabile nel 2010,
rispetto al 2009, e di una lieve crescita nel 2011. E al fatto
che il gruppo ha detto in diverse occasioni di essere
focalizzato più sul mantenimento di margini elevati che su
aumentare i ricavi.
 Sempre secondo gli analisti, il target sul debito, pari a
2,3 volte l'Ebitda, che doveva essere raggiunto nel 2011, si
sposterebbe al 2012.
 Oriana Cardani di Centrobanca attende una conferma delle
indicazioni di novembre. "E' probabile che sul 2012 ci sia una
dinamica più sostenuta", dice.
 Un report di Deutsche Bank della scorsa settimana prevedeva
la conferma delle previsioni (diffuse a novembre) di Ebitda
stabile nel 2010 e in leggera crescita nel 2011.
 In termini di debito a novembre il gruppo ha indicato come
obiettivo della posizione finanziaria netta rettificata a 34
miliardi. "Il target 2009 sul debito dovrebbe essere centrato",
dice Cardani. "Il debito non rettificato è atteso a 34,4
miliardi circa". Hsbc vede nel 2010 fatturato ed Ebitda in lieve
calo, debito netto a 29 miliardi nel 2011, con un rapporto su
Ebitda a 2,6 circa.
 Anche secondo Deutsche Bank, il target 2011 di un rapporto
debito netto Ebitda a 2,3 dovrebbe essere raggiunto nel 2012.
 Il piano 2009-11, presentato a dicembre 2008, prevedeva
sulla base di un 2008 con fatturato a 30,4-30,5 miliardi, Ebitda
di circa il 38%, Capex a circa 5,4 miliardi e una posizione
finanziaria netta su Ebitda inferiore a 3, un 2009 con fatturato
ed Ebitda stabile, Capex a 4,8 miliardi e Nfp/Ebitda a 2,9.
 
 OCCHI SU PERFORMANCE TELEFONIA MOBILE
 Il calo del fatturato nella divisione telefonia mobile ha
fatto sorgere preoccupazioni tra diversi analisti.
 I ricavi dei primi nove mesi hanno subito una flessione
dell'8,3% a 6.496, anche se i margini sono cresciuti in termini
percentuali al 47,5%, in aumento di 3,3 punti rispetto al 2008.
 "Il problema è la strategia sulla telefonia mobile. Il
quarto trimestre è previsto negativo", dice Cardani. "Si attende
di vedere cosa intende fare il gruppo per recuperare".
 Ad agosto dello scorso anno l'Ad France Bernabè ha detto che
il settore mobile domestico è stato penalizzato da importanti
cambiamenti, che avranno un impatto positivo a partire dal 2010.
 
-------------------------------------------------------
Di seguito una sintesi delle previsioni:
 
ESERCIZIO 2009    media      max      min   n.     2008
Ricavi           27.205   27.453   27.045   12   29.000
Ebitda           11.234   11.380   11.129   11   11.419
Ebit              5.579    5.835    5.440    8    5.731
Utile netto*      1.537    1.655    1.310   11    2.187
 
4°TRIMESTRE       media      max      min   n.     2008
Ricavi            7.016    7.265    6.965   12    7.480
Ebitda            2.638    2.766    2.521   10    2.686
Ebit              1.230    1.405    1.147    7    1.276
Utile netto*        367      490      145   11      444

Debito netto**   34.252   35.104   33.165   11   34.526
 
* dopo le minorities
** al 31 dicembre 2009
-------------------------------------------------------