Hera, 2009 non deluderà, crisi a Bologna non preoccupa - Tommasi

giovedì 18 febbraio 2010 12:37
 

MILANO, 18 febbraio (Reuters) - I risultati 2009 di Hera (HRA.MI: Quotazione) non deluderanno gli azionisti e il commissariamento del Comune di Bologna, uno dei principali azionisti della multiutility, non influisce sull'operatività.

"Nel 2009 credo che non deluderemo gli azionisti. Abbiamo registrato una buona performance nella parte mercato con il record di vendite di energia pari a 7 Tw ora", ha detto il presidente Tomaso Tommasi di Vignano, a margine di un convegno sulle utility.

Secondo il manager il commissariamento a Bologna "non ci preoccupa in questo momento, anche perchè Bologna è uno degli azionisti con il 13% del capitale ed esprime 4 voti nel patto di sindacato".

Hera è controllata al 58% da un patto di sindacato fra i principali comuni azionisti emiliano-romagnoli.

Riguardo alle ipotesi di acquisizioni, il presidente di Hera si è così espresso: "Qualcosa la faremo forse a cavallo dell'anno. Comunque oggi ci stiamo preparando per le gare che sono in scadenza per la distribuzione del gas e dei servizi ambientali".

Una battuta sull'intesa trovata due giorni fa tra i manager di Iride IRD.MI ed Enia EN.MI che ha rilanciato l'aggregazione tra i due gruppi: "devono ancora fare tante cose per concludere l'operazione. E' immaturo e prematuro parlare (di un nostro eventuale coinvolgimento)".

Hera è di fatto la grande esclusa dal risiko delle utility dopo lo stop alle trattative per una fusione a tre con Iride ed Enia.

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Hera, 2009 non deluderà, crisi a Bologna non preoccupa - Tommasi | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,736.58
    -0.48%
  • FTSE Italia All-Share Index
    22,920.39
    -0.41%
  • Euronext 100
    1,012.05
    -0.26%