Interpump, utile netto 2009 cala a 14 mln, 1,4 mln in trim4

giovedì 11 febbraio 2010 14:34
 

MILANO, 11 febbraio (Reuters) - Interpump (ITPG.MI: Quotazione) chiude l'esercizio 2009 con un utile netto consolidato pari a 14 milioni di euro, in calo di 65,2% rispetto ai 40,2 del 2008.

Sempre a livello di aggregato 2009, dicono i dati preliminari approvati oggi dal consiglio di amministrazione, le vendite nette consolidate totalizzano 342,9 milioni contro i 424,5 milioni dell'esercizio precedente, mentre il margine operativo lordo è pari a 46,9 milioni - 13,7% del fatturato - a fronte degli 87 milioni (20,5%) del 2008.

"L'indebitamento finanziario netto è passato da 206,4 milioni al 31 dicembre 2008 a 185,5 milioni al 31 dicembre 2009, grazie al free cash flow di 63,1 milioni e all'aumento di capitale di 49,9 milioni, parzialmente controbilanciati dagli esborsi relativi alle acquisizioni delle società del Polo Cilindri e all'acquisizione di azioni proprie" dice una nota del gruppo.

Si attesta a 58% dal 22,6% del 2008 il Roe.

Passando agli ultimi tre mesi dell'anno, l'utile netto consolidato è di 1,4 milioni (3,6 milioni nell'analogo trimestre 2008) e l'Ebitda di 11,8 milioni (16 milioni), mentre le vendite nette si attestano a 86,9 milioni (94,9 milioni).

"Nel quarto trimestre si rilevano alcuni segnali di miglioramento, seppur influenzati dal confronto con un quarto trimestre 2008 che già mostrava elementi di crisi. In particolare, il segmento delle pompe ad alta pressione ha mostrato nel terzo e ancor più nel quarto trimestre segnali di ripresa, soprattutto negli Stati Uniti" spiega la nota.

Intorno alle 14,30 in borsa il titolo accusa un -3,4% a 3,36 euro, poco oltre i minimi di seduta.

Per leggere il comunicato integrale della società i clienti Reuters possono cliccare su [ID:nBIA11fb9]