Edf, Ebitda 2009 salito oltre attese, vede 2010 in crescita

giovedì 11 febbraio 2010 10:00
 

PARIGI, 11 febbraio (Reuters) - Edf (EDF.PA: Quotazione) ha superato le attese del mercato annunciando un Ebitda in aumento del 23% nel 2009, sostenuto dall'acquisizione di British Energy, e ha previsto un'ulteriore significativa crescita per quest'anno.

Intorno alle 9,45 il titolo sale del 3,5% a 39,7 euro.

Dopo un anno difficile segnato dalle difficoltà nel nucleare, da scioperi e da un minor consumo di elettricità, Edf si aspetta che nel 2010 si stabilizzi la ripresa. "In Francia, dopo un anno eccezionalmente difficile, la perfomance operativa dovrebbe essere caratterizzato da un rimbalzo nella produzione dal nucleare", ha detto il direttore finanziario Daniel Camus in una conferenza stampa.

Edf stima per il 2010 un Ebitda in crescita tra il 3 e il 5% grazie appunto alla ripresa del nucleare e agli effetti delle acquisizioni estere realizzate a fine 2009.

Nel 2009 l'Ebitda è salito a 17,47 miliardi di euro da 17,02 miliardi contro attese di 17,02 miliardi, secondo Thomson Reuters I/B/E/S.

Gli utili core sono cresciuti dell'1,2% su base omogenea, mentre i ricavi sono aumentati del 3,9% a 66,34 miliardi.

Il debito netto è salito del 74% a 42,5 miliardi l'anno scorso a causa dell'acquisizione di British Energy ma il gruppo punta a mantenere il rapporto tra debito ed Ebitda tra il 2,5 e il 3. L'utility sta inoltre valutando di vendere la rete di distribuzione in Gran Bretagna, una decisione dovrebbe essere presa entro fine marzo, ha detto Camus.