Mercato auto sostenuto da incentivi, necessari anche in 2010-Csp

lunedì 4 gennaio 2010 18:21
 

TORINO, 4 gennaio (Reuters) - Spinto dagli incentivi alla rottamazione, il mercato italiano dell'auto si mantiene nel 2009 su livelli elevati ma il sostegno è necessario anche per quest'anno, secondo il Centro Studi Promotor (Csp) che boccia le ipotesi di riduzione del bonus.

"In relazione alla ipotesi di riduzione del bonus va sottolineato che se i nuovi incentivi non saranno comunque significativi il loro effetto potrebbe essere vanificato da una forte caduta dell'interesse da parte dei consumatori. Lo Stato finirebbe, così, per spendere risorse per riconoscere bonus a chi acquisterebbe comunque un'automobile e non vi sarebbe, quindi, alcun apporto aggiuntivo alla domanda", dice il centro studi in una nota.

"Qualora questo pericolo venga scongiurato, la prospettiva più probabile è che nel 2010 il mercato si attesti su un volume di 2.160.000 unità ma, in mancanza di nuovi incentivi, nel 2010 le immatricolazioni potrebbero scendere a 1.750.000 unità con un calo sul 2009 dell'ordine del 20%".