Unicredit, cashes e aumento capitale sufficienti - AD a stampa

mercoledì 16 dicembre 2009 07:52
 

MILANO, 16 dicembre (Reuters) - Unicredit (CRDI.MI: Quotazione) ritiene che il core Tier 1 all'8,39% che verrà raggiunto "a regime" sia "abbondante", non vede nuovo ricorso al mercato per raccogliere liquidità e non esclude un ritorno al dividendo perchè se "chiedo ai soci dei soldi li devo remunerare".

E' quanto sostiene l'AD Alessandro Profumo in un'intervista al Corriere della Sera, in cui sottolinea anche che la "partecipazione in Mediobanca (MDBI.MI: Quotazione) è strategica".

Alla domanda se le obbligazioni cashes di un anno fa da 3 miliardi e l'aumento di capitale ora da 4 miliardi sono sufficienti per il rafforzamento patrimoniale della banca, l'AD risponde: "Direi di sì. A regime avremo un core Tier 1 dell'8,39%. Che è abbondante".

Su un eventuale ritorno alla distribuzione della cedola "deciderà il consiglio a tempo debito. Il nostro compito resta quello di creare valore per i soci sostenibile nel tempo. Se chiedo loro dei soldi, li devo remunerare".