13 novembre 2009 / 10:11 / tra 8 anni

PUNTO 2 - Mps, utile netto 9 mesi cala a 504,6 mln, sale Tier 1

* Costi 9 mesi -8,4% su anno, confermato target 2009 -4/5%

* Tier 1 al al 7,6% con lancio Tremonti bond entro fine anno

* Rettifiche su crediti 9 mesi a 1 mld, in trim3 a 351 mln

* Trend ripresa impieghi con aumento mutui a famiglie

(aggiorna in quinto paragrafo andamento titolo, commenti)

di Stefano Bernabei

ROMA, 13 novembre (Reuters) - Banca Montepaschi chiude i primi nove mesi dell‘anno con un utile netto pre-Ppa di 504,6 milioni di euro, in calo del 21,5% rispetto al periodo analogo dell‘anno scorso. Nel terzo trimestre è proseguito il taglio dei costi e c’è una buona ripresa degli impieghi legati alla nuova domanda di mutui.

La banca ha inoltre confermato che emetterà Tremonti bond entro fine anno e che continua a trattare per cedere nel 2009 i 135 sportelli che ha messo sul mercato.

I ricavi primari, che comprendono margine di interesse e commissioni nette, sono diminuiti, nel gennaio-settembre 2009, del 6,7%.

Al dato negativo dei nove mesi si contrappone un terzo trimestre con tendenza positiva, dice poi la nota, con ricavi primari in crescita dello 0,8% sul secondo trimestre.

In Borsa Mps si mantiene su un calo del 2% circa a 1,2850 alle 16,00. Secondo un analista che non vuole essere citato, a pesare sul titolo è l‘incertezza legata alla trattativa per la cessione degli sportelli, mentre l‘indice paneuropeo del settore .SX7P sale dello 0,04%. Per Banca Akros, che conferma “hold”, una migliore qualità delle entrate e le rettifiche su crediti controbilanciano una piccola delusione sui costi operativi. Sia Citi sia Deutsche Bank sottolineano nelle loro note dopo i risultati che l‘utile di 69 milioni nel trimestre è superiore alle previsioni. Citi parla di ricavi superiori alle attese, costi in linea e minori accantonamenti su crediti a rischio.

VIGNI: RISVEGLIO DOMANDA MUTUI, PUO’ CONTINUARE

“Anche nel terzo trimestre, nonostante la situazione di mercato ancora difficile, vediamo una buona performance commerciale”, ha detto il direttore generale Antonio Vigni commentando i risultati nel corso della conference call con gli analisti.

“Stiamo rafforzando le quote di mercato e nel terzo trimestre abbiamo visto un incremento delle nostre attività con 18.000 nuovi clienti”, ha aggiunto.

In particolare la raccolta è cresciuta del 9,4% su anno e del 5,5% su trimestre, mentre gli impieghi sono saliti dell‘1,2% su anno e dello 0,8% su trimestre.

Vigni ha sottolineato che in particolare “c’è stato un risveglio concreto e visibile nelle famiglie con una crescita della domanda di mutui che riteniamo possa continuare”.

Le stipule di mutui nei 9 mesi sono a 8,4 miliardi dai 5 di fine giugno.

La banca senese ha fatto rettifiche su crediti nei 9 mesi per complessivi 1,037 miliardi, di cui 351 nel terzo trimestre, in calo dai 400 milioni del secondo trimestre.

Monte dei Paschi ha ulteriormente tagliato i costi, ora calati nei 9 mesi dell‘8,4% su anno dal -7,9% annuale indicato a fine giugno. Vigni e il direttore finanziario Marco Morelli hanno però mantenuto la guidance 2009 di un taglio tra il 4 e il 5% spiegando che il prossimo trimestre avrà, per stagionalità, un aumento dei costi.

CESSIONE SPORTELLI E TREMONTI BOND ENTRO FINE ANNO

Il rafforzamento patrimoniale della banca senese ha migliorato di 20 pb il Tier 1 portandolo al 6% da fine giugno. la banca considera comunque acquisito il beneficio patrimoniale dell‘emissioni dei Tremonti bond, proiettando il Tier 1 dei 9 mesi al 7,6% (la differenza con il core Tier 1 resta di 50 pb).

“Sui Tremonti bond stiamo ultimando il negoziato con il Tesoro sul protocollo, contiamo di emettere lo strumento entro fine anno”, ha detto Morelli.

La Banca ha chiesto circa 2 miliardi di obbligazioni che verranno sottoscritti dal Tesoro sulla base di un protocollo di impegni nel garantire credito alle imprese e alle famiglie.

Gli attivi del Mps, misurati come Rwa (asset ponderati per il rischio) sono attualmente pari a 122 miliardi di euro e, ha detto Morelli, scenderanno sotto questo livello entro fine anno.

Mps ha anche confermato che sta trattando con diversi soggetti per la cessione di 135 sportelli e prosegue il confronto con le autorità per la cessione degli immobili strumentali.

“Sugli sportelli le cose vanno avanti, è in corso la due diligence con diverse controparti, siamo fiduciosi che il processo prosegua e dia entro fine anno notizie positive”, ha detto Vigni.

La banca ha già venduto a 5 mln a sportello, 15 sportelli alla Popolare di Puglia e basilicata e ora sta trattando, secondo alcune fonti, con Barclays (BARC.L) e Intesa SP (ISP.MI), che avrebbero offerto valori attorno a 4 milioni a sportello.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below