PUNTO 2-UniCredit, netto trim3 sopra attese,non andrà su mercato

mercoledì 12 novembre 2008 13:09
 

(riscrive aggiungendo dettagli da conference call, andamento titolo, commenti analisti)

MILANO, 12 novembre (Reuters) - UniCredit (CRDI.MI: Quotazione) batte le attese con gli utili del terzo trimestre, aiutata dall'applicazione della nuova metodologia legata agli Ias 39 ma gravata anche da svalutazioni straordinarie e non ripetibili.

Il titolo in borsa è decisamente tonico con gli analisti che sottolineano oltre all'utile, anche la buona performance dei ricavi, solo in parte dovuta ai nuovi criteri Ias, e il Core Tier 1 stabile nonostante alcune operazioni diluitive.

Il terzo trimestre si è chiuso con un utile netto consolidato di pertinenza di 551 milioni in calo del 54,2% rispetto a un anno prima.

L'utile ante imposte è stato di 1,12 miliardi, grazie a benefici derivanti da nuovi standard Ias per 856 milioni ma dopo un impatto complessivo della crisi dei mercati di 1,3 miliardi.

In particolare sono state effettuate svalutazioni per 252 milioni legate all'Islanda e di 215 milioni sulla quota in Lse (LSE.L: Quotazione).

Senza gli Ias l'utile sarebbe stato più o meno il risultato 'core', ha detto l'AD Alessandro Profumo sottolineando che nel trimestre sono state effettuate svalutazioni straordinarie, citando in particolare la quota Lse e le svalutazioni legate a Lehman e all'Islanda.

  Continua...