Intesa SP, netto nove mesi 3,8 mld, non darà dividendi cash 2008

martedì 11 novembre 2008 14:22
 

MILANO, 11 novembre (Reuters) - Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) ha chiuso i primi nove mesi del 2008 con un utile netto consolidato di 3,778 miliardi in calo rispetto ai 6,75 miliardi di un anno prima ma in crescita del 13,9% su basi normalizzate, cioè escludendo le componenti non ricorrenti e il risultato del trading.

Il consiglio, che oggi ha approvato i dati dei primi nove mesi, ha deliberato che non vengano distribuiti per il 2008 dividendi in contanti. Il Core Tier 1 sale quindi al 6,2% contro il 5,7% di fine giugno, mentre il Tier 1 al 6,9% dal 6,6% di fine giugno, dice una nota.

Considerando l'ulteriore rafforzamento dei coefficienti patrimoniali atteso dall'applicazione dei criteri Basilea 2 'advanced' e dalle operazioni di capital management riguardanti attività strategiche per un valore di libro complessivo di circa 8 miliardi, risulterebbero un Core Tier 1 pro forma tra il 7,5% e l'8%, il Tier 1 tra l'8,3% e l'8,8%.

Altri benefici potrebbero derivare da operazioni rafforzamento patrimoniale del sistema bancario, non diluitive per gli azionisti, da parte del governo e dall'eventuale valorizzazione della quota in Bankitalia.

I proventi operativi netti sono scesi del 3,2% a 14,3 miliardi (+1,5% su basi normalizzate), mentre il risultato di gestione ammonta a 7 miliardi in calo del 6,6% con un cost/income al 50,9% dal 49,1% di un anno prima.

Nel solo terzo trimestre l'utile netto è stato di 673 milioni di euro contro i 1,46 miliardi di un anno prima.

Per l'intero 2008 "il prudente ottimismo che aveva caratterizzato il commento ai dati semestrali deve lasciare spazio a una più cauta valutazione delle prospettive per il bilancio 2008", dice la nota.