PUNTO 2 - Intesa SP batte attese in trim3, migliora outlook 2009

martedì 10 novembre 2009 18:37
 

MILANO, 10 novembre (Reuters) - Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) archivia il terzo trimestre con un utile netto di 647 milioni, invariato rispetto a un anno prima e sopra le attese degli analisti che convergevano su 457 milioni di euro.

Su basi normalizzate, cioè escludendo le principali componenti non ricorrenti, l'utile netto sarebbe pari a 816 milioni, spiega una nota.

Per l'intero anno la banca ritiene "plausibile" un risultato netto superiore a quello del 2008, che era stato pari a 2,6 miliardi. Questa previsione migliora quelle formulate in precedenza che indicavano un utile netto "non molto inferiore" al 2008.

Confermata anche la promessa di tornare alla distribuzione di un dividendo per il 2009, dopo la 'pausa' del 2008, anche se l'entità dipenderà da vari fattori, tra cui l'andamento delle dismissioni degli asset non core e le nuove regole sui coefficienti patrimoniali, secondo quanto spiegato dall'AD Corrado Passera nella conference call.

"Siamo abbastanza soddisfatti dei risultati del trimestre perché abbiamo di nuovo una crescita della redditività sostenibile", ha detto il banchiere.

MARGINE INTERESSE SOFFRE STOP MASSIMO SCOPERTO, CALO EURIBOR

Sul fronte operativo nel terzo trimestre il margine di interesse ha sofferto dell'abolizione della commissione di massimo scoperto, che ha impattato per circa 90 milioni, e del continuo calo dei tassi, si legge nella nota.

Secondo Passera però è stato soprattutto "l'inatteso calo dell'euribor che ha toccato i minimi storici" a condizionare il margine.   Continua...