June 9, 2009 / 1:29 PM / 8 years ago

PUNTO 1-M&C, ok assemblea a 0,62 euro a soci, scontro su aumento

5 IN. DI LETTURA

(Aggiunge altri dettagli e dichiarazioni)

MILANO, 9 giugno (Reuters) - Nell'assemblea, chiamata oggi ad approvare la distribuzione di 0,62 euro per azione con conseguente riduzione del capitale sociale di Management & Capitali (MACA.MI), è andato in scena un inedito scontro fra il rappresentante di SeconTip, secondo azionista con il 15,21% del capitale, e il Cda della società presieduto dall'ingegnere Carlo De Benedetti, che controlla il 16,29% attraverso la Romed.

Uno scontro che viene dopo la disdetta del patto a due, annunciata ad aprile, e segue di soli due giorni l'annuncio dell'Opa totalitaria sulla investment company al prezzo di 0,08 euro per azione da parte di Mimose, controllata da Massimo Segre, consigliere di amministrazione di M&C. "Segre non parteciperà al consiglio che dovrà esprimersi sull'Opa", ha assicurato l'ingegnere.

Grazie al voto contrario di SeconTip, infatti, non è passato il punto che conferiva la delega al Cda per futuri aumenti di capitale proposta dal consiglio.

Opa Dimostra Valore Societa'

Quanto riguarda, invece, l'Opa, De Benedetti al termine dell'assemblea ha commentato: "ritengo che sia un'offerta che dimostri come la società abbia un valore al di là di quello che ha distribuito".

"Vedremo" ha poi detto, a proposito dell'adesione all'Opa da parte di Romed. Il manager ha aggiunto che una contro-opa è sempre possibile. "È chiaro che ci può essere e se è migliore...". Alla domanda se possa essere la Secondtip a lanciare questa contro-offerta, l'ingegnere si è limitato a dire "dovete chiederlo a lui. Posso dire che mi hanno già fatto un'offerta sulle mie azioni attraverso una primaria banca italiana, a un valore molto superiore".

Distribuiti 0,62 Euro Ad Azionisti

Tornando all'assemblea odierna, con l'ok al primo punto dell'Odg, gli azionisti riceveranno 0,62 euro per azione, facendo ridurre la cassa della società a circa 50 milioni di euro. "Una base più che sufficiente per continuare nella gestione in un momento di scarsa visibilità e opportunità di fare investimenti", ha sottolineato il presidente di M&C. De Benedetti ha poi fatto il parallelo con altre società di private equity, come Blackstone che dal 21 giugno 2007 a oggi ha perso oltre il 50% in Borsa, mentre la caduta di M&C si è fermata a -20,4%.

Rifiuto Aumento Capitale Sorprendente

Sul rifiuto a concedere la delega per aumentare il capitale sia da De Benedetti che da Massimo Segre hanno espresso la loro contrarietà.

"È con grande stupore che accolgo il voto contrario di Tamburi, perché non era nei patti. Una delle richieste di Tamburi era che la riduzione del capitale non potesse essere intesa come una liquidazione della società", si è espresso Segre, mentre De Benedetti ha sottolineato che "è stranissimo che questa decisione di SecondTip arrivi oggi, se c'era una contrarietà alla delibera si poteva dirlo in un'altra sede". E comunque, per De Benedetti, questa decisione è un tentativo di "limitare il potenziale di crescita della società. Vorrà dire che occorrerà convocare un'assemblea per deliberarlo".

Ma il contrasto si è inasprito anche sull'ultimo punto relativo al'acquisto delle azioni proprie. L'obiettivo del management è quello di rilevare 5,5 milioni di azioni privilegiate che, come ha spiegato De Benedetti, "sono azioni in mano ad alcuni amministratori che sono anche dipendenti. Si ritiene che sia opportuno eliminare questa categoria di azioni". La proposta è quella di rilevare queste azioni a un prezzo che non sia inferiore a 0,10 euro e non superiore a 1,5 euro per azione. Secontip ha difatto contestato che la delega riguardi anche le azioni privilegiate.

A conclusione dell'assemblea, De Benedetti ha annunciato che resterà alla presidenza di M&C sino alla conclusione dell'Opa. "Alla luce dell'Opa di Segre, ritengo sia mio dovere restare presidente fino al compimento di questa vicenda per completare in modo responsabilmente corretto la mia funzione di presidente della società". Lo scorso gennaio De Benedetti aveva annunciato l'abbandono delle cariche di presidente di Cir (CIRX.MI), Cofide (COFI.MI) e di M&C.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below