PUNTO 1 - Cir,netto 2008 sale del 15,6%, non distribuirà cedola

lunedì 9 marzo 2009 15:59
 

(Aggiunge altri dettagli da comunicato)

MILANO, 9 marzo (Reuters) - Il gruppo Cir (CIRX.MI: Quotazione) chiude il 2008 con un utile netto in crescita del 15,6% a 95,5 milioni di euro, mentre i ricavi salgono del 12,2% a 4,7 miliardi, secondo un comunicato.

Il Cda, in considerazione dell'attuale situazione dell'economia e dei mercati finanziari, proporrà all'assemblea di non distribuire dividendi per l'esercizio 2008 al fine di rafforzare ulteriormente la struttura patrimoniale della società e dotarla di maggiori risorse a sostegno dello sviluppo delle attività.

Inoltre, su indicazione dell'ingegnere Carlo De Benedetti, il Cda propone la nomina di Stefano Micossi come prossimo presidente della società.

"In un anno molto difficile per l'economia e i mercati finanziari - dice l'Ad di Cir, Rodolfo De Benedetti nella nota - il gruppo ha ottenuto un significativo incremento dell'utile netto rispetto all'anno precedente e consolidato la propria componente industriale. In particolare, Sorgenia e HSS hanno proseguito il trend di crescita del business e rafforzato la propria posizione di operatori privati leader in Italia nei rispettivi settori di attività, mentre Espresso e Sogefi, pur registrando risultati in calo a causa della situazione critica dell'editoria e dell'auto, hanno chiuso il 2008 in utile".

L'indebitamento finanziario netto consolidato si attesta a 1.685,4 milioni da 1.333,5 milioni al 31 dicembre 2007.

Il titolo Cir è oggi in giornata positiva e nel primo pomeriggio sta salendo di circa 2% a 0,683 euro.

Quanto alle stime per il 2009, i risultati del gruppo Cir risentiranno inevitabilmente dell'attuale fase di profonda recessione, con intensità diversa nei vari settori di attività, in particolare media e componenti auto. Nel corso dell'anno il gruppo, spiega il comunicato, si concentrerà sul miglioramento dell'efficienza e il riposizionamento delle controllate che operano nei settori più in difficoltà e sull'ulteriore sviluppo delle attività con maggiore capacità di resistenza alla crisi e più alto potenziale di crescita.

In Cda, infine, proporrù all'assemblea la revoca e il rinnovo della delega al consiglio per un periodo di 18 mesi, per l'acquisto di massime 35 milioni di azioni proprie, con un limite massimo di spesa di 50 milioni.

Al 31 dicembre scorso le azioni proprie in portafoglio erano 42.974.000 (39.644.000 al 31 dicembre 2007), pari al 5,43% del capitale. A oggi, Cir ha in portafoglio 43.074.000 azioni ordinarie, corrispondenti al 5,44% del capitale sociale.