JP Morgan, utile trimestre in calo del 7,6% per oneri fiscali

venerdì 14 ottobre 2016 13:03
 

14 ottobre (Reuters) - JPMorgan Chase & Co, la più grande banca Usa per asset, ha registrato un calo del 7,6% dell'utile trimestrale legato a oneri fiscali che si confrontano con un beneficio fiscale dell'anno prima.

L'utile netto è sceso a 6,29 miliardi nel terzo trimestre che si è chiuso a settembre da 6,80 miliardi nello stesso periodo del 2015. L'utile per azione è sceso a 1,58 da 1,68 dollari.

L'anno scorso l'utile era stato sostenuto da un beneficio fiscale di 2,2 miliardi.

L'utile prima delle tasse è cresciuto del 32,8% a 8,94 miliardi, aiutato da un calo dei costi e da un leggero incremento dei ricavi in scia al rialzo dei tassi deciso dalla Federal Reserve lo scorso dicembre, il primo dall'inizio della crisi finanziaria.

Gli analisti si aspettavano in media un utile per azione di 1,39 dollari, secondo Thomson Reuters I/B/E/S. Non è immediatamente chiaro se i dati siano confrontabili.

JPMorgan è la prima delle grandi banche Usa a dare i risultati del terzo trimestre.

Per una panoramica su mercati e notizie in lingua italiana con quotazioni, grafici e dati, gli abbonati Eikon possono digitare nel Search Box di Eikon "Pagina Italia" o "Panorama Italia" Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia