UniCredit, netto sopra attese, ma Cet1 scende, titolo scivola in borsa

mercoledì 3 agosto 2016 13:52
 

MILANO, 3 agosto (Reuters) - UniCredit chiude il secondo trimestre con un utile netto rettificato di 687 milioni di euro, un utile netto contabile di 916 milioni e con un Cet1 fully loaded che, pro forma, è al 10,53%, in calo dal 10,85% di fine marzo.

Il dato dell'utile batte le attese degli analisti, che convergevano su 664 milioni, secondo il consensus di 20 broker pubblicato sul sito della banca.

Il titolo è scivolato fino a -4% poi è leggermente risalito ma alle 13,50 cede circa il 2,5% sulla delusione per il Cet1 in calo. "Il mercato punisce l'unico dato che scende. Hanno bruciato ancora capitale", commenta un trader.

Il dato proforma del Cet1 fully loaded include l'impatto di 20 punti base dalle cessioni delle quote in FinecoBank e Bank Pekao, spiega una nota. Il Cet1 transitional è al 10,51%, stabile rispetto a marzo.

Nel trimestre sono state effettuate rettifiche su crediti per 914 milioni (+20,9% su trimestre), mentre il costo del rischio sale di 12 punti base a 75. Il tasso di copertura sui crediti deteriorati è al 52,4%, quello sulle sofferenze al 61,6%.

I ricavi sono cresciuti del 12,1% su trimestre a 6,1 miliardi: nel dettaglio gli interessi netti sono saliti dell'1,4% a 2,92 miliardi, mentre le commissioni sono scese dello 0,7% a 1,9 miliardi. I ricavi da negoziazione sono quasi triplicati a 950 milioni.

(Gianluca Semeraro)

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia