PUNTO 1-Ferragamo, ricavi semestre -1,7%, sale utile, consensus "raggiungibile"

martedì 2 agosto 2016 19:42
 

(Riscrive parzialmente con dettagli da nota e conference call)

MILANO, 2 agosto (Reuters) - Ferragamo chiude il semestre con utile ed Ebitda in lieve crescita a fronte di una contenuta discesa dei ricavi, penalizzati dalla debolezza di Asia, Hong Kong in particolare, ed Europa.

In crescita tutti i margini, con il margine lordo salito dal 65,8% al 67%, livello che il management punta a mantenere. "Raggiungibile", secondo i vertici della maison, il consensus per l'intero 2016.

Confermata poi l'uscita dello storico AD Michele Norsa, che se ne va con 1,8 milioni di euro di buonuscita e sarà sostituito da domani da Eraldo Poletto, ex AD di Furla. Norsa continuerà a collaborare con il gruppo in veste di consulente strategico di Ferragamo Finanziaria.

Il fatturato, dice una nota, è sceso dell'1,7% a 710 milioni (-3,1% a cambi costanti), con il canale Retail in contrazione del 2% (-3% a cambi costanti) e quello Wholesale dell'1% (-3%).

L'area Asia Pacifico ha visto una contrazione del 4% sia a cambi correnti che costanti, anche se le vendite dei negozi diretti in Cina sono cresciute dell'1% nel semestre e del 7% nel solo secondo trimestre. In Nord America i ricavi semestrali sono saliti del 2% (-3% a cambi costanti), come in Giappone (-5% a cambi costanti); +1% il Centro e Sud America (+12% a cambi costanti).

L'Ebitda è aumentato dello 0,9% a 166 milioni, con un'incidenza sui ricavi cresciuta dal 22,8% al 23,4%. L'Ebit è rimasto stabile a 136 milioni (dal 18,8% al 19,1% dei ricavi).

L'utile netto di pertinenza è salito del 2,3% a 90 milioni.

L'indebitamento finanziario si è ridotto da 98 a 75 milioni di euro.   Continua...