Snam, netto sem1 -14% a 526 mln, ricavi -4,5%, pesa nuovo piano regolatorio

mercoledì 27 luglio 2016 08:18
 

MILANO, 27 luglio (Reuters) - Snam ha chiuso il primo semestre con un utile netto in flessione del 14,1% a 526 milioni di euro e ricavi regolati pari a 1,644 miliardi, in calo del 4,5%. A pesare sui risultati l'entrata in vigore del nuovo periodo regolatorio con revisione del Wacc a partire dall'1 gennaio scorso, secondo un comunicato.

L'ebit del periodo è pari a 867 milioni (-14,3%), mentre l'Ebitda è di 1,314 miliardi (-8,4%). Il free cash flow è pari a 508 milioni.

Lo scorso dicembre l'Autorità per l'Energia elettrica e il gas ha approvato i criteri per la determinazione e l'aggiornamento del tasso di remunerazione del capitale investito netto (Wacc) per il periodo 2016-2021 e ha fissato i tassi di remunerazione a valere per l'anno 2016.

Quanto al gas immesso nella rete è stato pari a 34,07 miliardi nel semestre, in crescita 4% essenzialmente a seguito del minor utilizzo degli stoccaggi, che registrano minori erogazioni nette per 0,73 miliardi di metri cubi, a fronte di una domanda gas in Italia che nel primo semestre 2016 si attesta a 35,96 miliardi di metri cubi, in lieve aumento.

L'indebitamento finanziario netto al 30 giugno 2016 ammonta a 14.177 milioni di euro (13.779 milioni di euro al 31 dicembre 2015).

"I risultati del primo semestre sono pienamente in linea con le aspettative e riflettono la riduzione del Wacc nel trasporto e nella distribuzione definita dal nuovo periodo regolatorio. La significativa generazione di cassa da attività operative ha consentito anche per i primi sei mesi di quest'anno di finanziare interamente gli investimenti nelle nostre infrastrutture, oltre a produrre un free cash flow di oltre 500 milioni di euro", ha così commentato i risultati l'AD, Marco Alverà.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato integrale cliccando su

(Giancarlo Navach)   Continua...