Wall Street - Stocks to watch del 28 gennaio

giovedì 28 gennaio 2016 14:14
 

28 gennaio (Reuters) - I futures sugli indici di Wall Street
si muovono in lieve rialzo, facendo presagire un avvio di seduta
positivo all'indomani della riunione della Fed che ha mantenuto
i tassi invariati.
    La borsa Usa ha chiuso in calo ieri, delusa dalle scarse
indicazioni date dalla banca centrale sulle sue prossime mosse
nonostante le attuali turbolenze dei mercati.
    Sale intanto il greggio dopo l'apertura della Russia a
dialogare con Arabia Saudita e altri paesi Opec per controllare
l'eccesso di produzione mondiale.
    Il calendario dei risultati corporate contempla Amazon,
Blackstone, Ford Motor, Invesco, Microsoft, T.Rowe Price, Visa. 
 
    Attorno alle 14 italiane, il futures e-minis sullo S&P 500
 sale dello 0,2%, come il contratto di riferimento sul Dow
Jones, mentre il derivato sul Nasdaq guadagna lo
0,8%.
    Il mercato obbligazionario è poco mosso: il benchmark
decennale cede 1/32 e rende il 2%.
               
    Tra i titoli in evidenza oggi:
    FORD MOTOR - Ha da poco diffuso risultati trimestrali
superiori alle attese e il titolo è in rialzo nel pre-borsa
americano. 
    ALIBABA - Ha registrato un rialzo del 32% dei
ricavi nel terzo trimestre grazie al buon andamento registrato
nelle feste di fine anno, anche se il dato è inferiore alle
attese degli analisti.
    BRISTOL-MYERS SQUIBB - Ha ottenuto risultati
trimestrali migliori delle attese grazie a forti vendite dei
suoi antitumorali e antitrombotici. 
    FACEBOOK - Ha annunciato ieri a mercati chiusi un
balzo del 52% dei ricavi del quarto trimestre, spingendo il
titolo in forte rialzo nell'after-hours e oggi nel pre-borsa.
    EBAY perde il 14% nel pre-borsa dopo una stagione
di vendite deludente sotto le feste e previsioni deboli, segno
della forte concorrenza di Amazon.com.
    JOHNSON & JOHNSOH - Il fondo azionista Artisan
Partners sta cercando di convincere diversi investitori
attivisti a spingere perché il gruppo valuti una separazione
delle sue tre maggiori divisioni, secondo alcune fonti.
    
    
Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le
top news anche su www.twitter.com/reuters_italia