PUNTO 1-Generali, 2015 "buono", nessun contrasto con soci su strategia-Greco

mercoledì 27 gennaio 2016 18:53
 

(Aggiunge nota Generali)

MILANO, 27 gennaio (Reuters) - Il Ceo di Generali Mario Greco ha rassicurato gli analisti sui conti 2015 e sui target del piano industriale al 2018 annunciato lo scorso anno, anche dopo la decisione di non rinnovare il mandato con la compagnia triestina in scadenza il 28 aprile prossimo.

Secondo una nota Generali diffusa dopo una conference call di circa 40 minuti tenuta dall'AD uscente questo pomeriggio, a cui ha preso parte anche il Cfo Alberto Minali, "i risultati finanziari a fine 2015 saranno buoni e in linea con i target finanziari al 2018".

La nota ricorda che il piano prevede dividendi superiori a 5 miliardi di euro, un flusso di cassa netto cumulativo di oltre 7 miliardi e ulteriori risparmi di costo per 500 milioni per un totale di 1,5 miliardi nel periodo 2012-2018.

Secondo quanto riferito da alcuni analisti che hanno partecipato alla call, Greco ha di fatto confermato gli obiettivi del piano e quelli su utili e dividendi anche per il 2015.

"E' stato ribadito più volte che dividendi, utili, strategie e il raggiungimento degli obiettivi del piano industriale non sono a rischio e non sono stati la causa della decisione di non rinnovare", spiega un analista.

In occasione della presentazione dei conti del terzo trimestre, Generali aveva dichiarato di prevedere un utile netto 2015 "significativamente più alto del 2014" e che questo avrebbe dato spazio per aumentare la remunerazione degli azionisti. Nel 2014 l'utile netto si è attestato a 1,67 miliardi con la distribuzione di un dividendo unitario di 0,60 euro.

Nella nota Generali si puntualizza come Greco abbia dichiarato che l'indisponibilità a un nuovo mandato "non è dipesa da nessun specifico contrasto né conflitto con gli azionisti che, al contrario, in questi tre anni hanno fornito pieno supporto alla strategia e alla sua esecuzione".

Un secondo analista aveva invece riferito che nella call l'AD uscente ha parlato di contrasti con alcuni azionisti sul suo ruolo nel nuovo corso di Generali che si è aperto una volta conclusa la fase di turnaround con i conti 2014.   Continua...