J&J taglierà 3.000 posti lavoro in divisione apparecchiature mediche

martedì 19 gennaio 2016 14:00
 

19 gennaio (Reuters) - Johnson & Johnson ha annunciato che nei prossimi due anni taglierà circa 3.000 posti di lavoro all'interno del business di apparecchiature mediche, tra il 4 e il 6% del totale dei dipendenti globali della divisione.

Il gruppo si aspetta oneri di ristrutturazione pre tasse di 2-2,4 miliardi di dollari legati a questi piani, di cui circa 600 milioni da iscrivere nel quarto trimestre 2015. Ribadite le previsioni per l'esercizio 2015.

J&J ha precisato che la riduzione di personale riguarderà le attività ortopediche, chirurgiche e cardiovascolari all'interno della divisione apparecchiature mediche. Non saranno invece interessate, nell'ambito della stessa divisione, le apparecchiature medicali di largo consumo, la cura del diabete e della vista.

La ristrutturazione dovrebbe generare risparmi di costi ante imposte annualizzati di 800 milioni-1 miliardo di dollari. La maggior parte dei risparmi è attesa entro la fine del 2018, compresi circa 200 milioni nel 2016.

J&J conta attualmente circa 60.000 dipendenti nella divisione apparecchiature mediche su una forza lavoro totale globale intorno a 127.000 persone.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia