Luxottica debole dopo buon trimestre, già prezzato, occhi su outlook

martedì 27 ottobre 2015 11:39
 

MILANO, 27 ottobre (Reuters) - Luxottica soffre in borsa nonostante i buoni risultati trimestrali e la conferma delle stime di fine anno. Pesano una certa prudenza del management sulla crescita degli utili nel 2016, che sarà condizionata da forti investimenti, e la percezione degli analisti che il titolo sia già adeguatamente prezzato.

Intorno alle 11,30 Luxottica perde il 2,67% a 63,80 euro con volumi intensi in un mercato leggermente positivo.

"I risultati sono buoni, ma il titolo sembra prezzato alla perfezione", commenta Luca Solca, responsabile del settore Lusso di Exan Bnp Paribas, che si aspetta una lieve attenuazione della spinta di crescita del gruppo e suggerisce "un po' di prudenza" alla luce di un minor traffico negli Usa e di un contesto valutario meno favorevole.

Ieri i veritci di Luxottica hanno deciso di non confermare, per il momento, la cosiddetta "rule of thumb" (crescita organica dei ricavi 'mid-to-high single digit' e un incremento doppio di Ebit e utile netto) per il 2016 e oltre, pur prevedendo una crescita media annua del 7% dei ricavi (a cambi costanti) fino al 2024 e parlando per l'anno prossimo di un incremento degli utili superiore alle vendite.

Banca Akros resta convinta che il gruppo rispetterà la 'rule of thumb' anche nel 2016, mentre Deutsche Bank sottolinea che nelle sue stime già contemplava una crescita dei profitti meno intensa e non mostra dunque sopresa per le dichiarazioni del management.

Un altro broker italiano, che ha leggermente rivisto al ribasso le sue stime, si aspettava invece un po' di pressione sul titolo proprio per le incertezze emerse sulla crescita dell'Ebit 2016.

I risultati "solidi" del terzo trimestre e la conferma della guidance sul 2015 non sorprendono, osserva Mediobanca Securities che maniene una visione positiva sulla società. "Ma alla luce della forte performance del titolo (+43% da inizio anno contro +21% del mercato), l'attuale valutazione ingloba pienamente i trigger positivi e non lascia spazio per un ulteriore significativo re-rating", conclude la banca.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia