PUNTO 1 - Finmeccanica, taglio Usa C27J non impatta su target

venerdì 8 maggio 2009 14:28
 

(aggiunge background e valutazione titolo)

ROMA, 8 maggio (Reuters) - L'annuncio del Petagono Usa di ieri sera di voler tagliare la commessa di aerei da trasporto militare C27J dai previsti 78 a 38 aerei non avrà alcun impatto sugli obbiettivi 2009 annunciati da Finmeccanica SIFI.MI perché basati sugli ordini effettivamente acquisiti e non su quelli previsti.

Lo lo riferisce a Reuters una fonte dell'azienda a commento della notizia annunciata ieri sera da Washington.

"La proposta del Pentagono al Congresso di un taglio alla commessa dei C27J non avrebbe alcun impatto sul budget e sugli obbiettivi 2009 annunciati poiché questi vengono fatti sulla base degli ordini acquisiti", ha detto la fonte.

La fonte dell'azienda, inoltre, rileva "che in ogni caso il numero di 38 velivoli non riflette il requisito totale né le esigenze di tutti i possibili utenti dell'aereo che portano complessivamente a circa 100 velivoli C27J".

In passato Finmeccanica aveva detto che la commessa americana avrebbe potuto riguardare "in prospettiva 200 unità".

Alle 14,20 le azioni Finmeccanica perdono il 2,42% a 10,47 euro, dopo essere arrivate a perdere il 3,5% ad inizio mattinata, in un mercato tonico nel quale l'indice S&P Mib guadagna circa il 3%. I volumi, poco superiori ai 4 milioni di pezzi cambiati, sono superiori alla media.

Ieri sera il Pentagono ha annunciato di voler portare la commessa con il consorzio formato da L3 (LLL.N: Quotazione) e Alenia Aeronautica North America per il cargo militare dai 78 velivoli originariamente previsti (per un valore complessivo di circa 2 miliardi di dollari) a 38. L'annuncio del Pentagono è stato fatto nel quadro di un taglio generalizzato delle spese per la difesa dopo che il presidente Barack Obama ha più volte criticato i successivi aumenti di spesa nel settore decisi in passato dal Congresso.   Continua...