Marks&Spencer, peggiori vendite trimestrali, taglia posti lavoro

mercoledì 7 gennaio 2009 09:36
 

LONDRA, 7 gennaio (Reuters) - Marks & Spencer (MKS.L: Quotazione), la maggiore catena di abbigliamento britannica, ha riportato il suo peggior trimestre in termini di vendite in dieci anni e ha annunciato l'intenzione di tagliare circa 1.230 posti di lavoro.

Le vendite su base comparabile sono calate del 7,1% nelle 13 settimane terminate il 27 dicembre, il terzo trimestre del suo anno fiscale.

Le previsioni indicavano una flessione tra il 5,5 e il 9,6%, secondo un sondaggio condotto dalla società tra nove analisti.

Inoltre, M&S ha detto di attendersi margini lordi in Gran Bretagna nell'anno fiscale al 31 marzo di circa l'1,75% al di sotto dei livelli del 2007-2008 a causa delle attività promozionali e degli sconti. Una stima inferiore alla precedente previsione di un calo di circa l'1%.

L'obiettivo di tagliare i costi operativi il prossimo anno di circa l'1-2% rispetto ai livelli 2008-2009, con un risparmio di circa 175-200 milioni di sterine, comporterà la chiusura di 27 punti vendita con una perdita di circa 780 posti di lavoro e fino a 450 dirigenti.

M&S impiega circa 75.000 lavoratori nel mondo.

M&S a Londra cede lo 0,25% a 237,5 pence in un mercato in calo nel complesso di oltre l'1%.